Home Attualità Soluzioni per il clima: FAO promuove la trasformazione dei sistemi agrifood a...

Soluzioni per il clima: FAO promuove la trasformazione dei sistemi agrifood a COP28

292
0
cereali

La necessità di maggiore collaborazione e finanziamenti è emersa come un tema chiave durante le ultime due settimane alla Conferenza delle Nazioni Unite sul Clima (COP28) a Dubai, negli Emirati Arabi Uniti. L’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Alimentazione e l’Agricoltura (FAO) si è fatta portatrice di questo messaggio, sottolineando che le soluzioni per i sistemi agrifood sono essenziali per raggiungere gli obiettivi dell’Accordo di Parigi e gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile.

Il Direttore Generale della FAO, Qu Dongyu, ha guidato una delegazione di alti funzionari ed esperti provenienti da varie aree della FAO che hanno contribuito a proporre soluzioni concrete per l’azione climatica. Durante la COP28 la FAO ha presentato una serie di rapporti significativi, tra cui un nuovo processo di Mappa Globale per eliminare la fame e mantenere l’obiettivo di 1.5°C dell’Accordo di Parigi.

Le iniziative della FAO alla COP28 di Dubai sono state riassunte in una nota diffusa alla fine di dicembre.

Dichiarazione dei leader per un’implementazione rapida attraverso una coalizione collaborativa

“I sistemi agrifood sono la soluzione climatica”, ha dichiarato Qu Dongyu all’inizio della conferenza di Dubai. Durante l’evento la presidenza degli Emirati Arabi Uniti ha presentato la Dichiarazione degli Emirati sulla Agricoltura Sostenibile, Sistemi Alimentari Resilienti e Azione per il Clima, ora sostenuta da oltre 150 paesi e supportata dalla FAO. La Dichiarazione, non vincolante, enfatizza il potenziale trasformativo dell’agricoltura nel rispondere al cambiamento climatico e garantire la sicurezza alimentare globale.

La via della FAO per un mondo senza fame

Qu Dongyu ha indicato che la Dichiarazione degli Emirati, guidata dalla nuova Mappa Globale della FAO per raggiungere l’Obiettivo di Sviluppo Sostenibile 2 senza superare la soglia di 1.5°C, sono strumenti chiave per raggiungere gli obiettivi di sviluppo sostenibile (SDG) sotto i “Quattro Migliori” – una produzione migliore, una nutrizione migliore, un ambiente migliore e una vita migliore, senza lasciare indietro nessuno.

Il processo di Mappa della FAO, presentato nel primo Food, Agriculture and Water Day della COP28, mira ad eliminare la fame e tutte le forme di malnutrizione senza superare la soglia di 1.5°C fissata dall’Accordo di Parigi. Essa delinea una strategia completa per i prossimi tre anni che copre una vasta gamma di soluzioni in dieci distinti settori di azione: energia pulita, coltivazioni, pesca e acquacoltura, perdita e spreco alimentare, foreste e zone umide, diete salutari, bestiame, suolo e acqua, dati, politiche inclusive.

A COP28, la FAO è stata anche annunciata come membro fondatore del Technical Cooperation Collaborative (TCC), guidato da un gruppo di organizzazioni internazionali e governi, per canalizzare il sostegno finanziario e avviare l’attuazione della Dichiarazione degli Emirati.

“La FAO è orgogliosa di aiutare a guidare il Collaborative e unirsi ad altri partner e altri Paesi per accelerare l’azione su questa storica Dichiarazione”, ha dichiarato il Direttore Generale.

Global Stocktake e la gestione delle perdite e dei danni

Il Global Stocktake, uno dei pilastri dell’Accordo di Parigi, è stato al centro dell’attenzione a COP28. Qu Dongyu ha evidenziato il ruolo cruciale dei sistemi agrifood nell’adattamento ai cambiamenti climatici durante un evento di alto livello con capi di Stato e di governo. La decisione finale del Global Stocktake menziona la salvaguardia della sicurezza alimentare, la fine della fame, la mitigazione delle vulnerabilità nella produzione alimentare legate al cambiamento climatico e la protezione dei sistemi idrici.

L’accordo raggiunto dai leader mondiali per rendere operativo il Fondo per le Perdite e i Danni all’inizio di COP28 è stato uno dei successi iniziali della conferenza, elogiato dal Direttore Generale della FAO. In linea con questo, la FAO ha presentato un rapporto sul crescente rischio di perdite e danni ai sistemi agrifood causati dai cambiamenti climatici, sottolineando la necessità di azioni immediate e di finanziamenti supplementari per affrontare le vulnerabilità.

Finanziamenti per i sistemi agrifood e il partenariato FAST

Attraverso una nuova analisi, la FAO ha avvertito del significativo declino dei finanziamenti destinati ai sistemi agrifood, mettendo a rischio il loro ruolo cruciale nell’affrontare il cambiamento climatico, la perdita di biodiversità e la salvaguardia della sicurezza alimentare. Il rapporto evidenzia che, nonostante l’urgente necessità di aumentare i finanziamenti per raggiungere gli obiettivi dell’Accordo di Parigi e della Dichiarazione degli Emirati, i contributi ai sistemi agrifood sono scesi a 19 miliardi di dollari nel 2021, registrando una diminuzione del 12% rispetto all’anno precedente.

La FAO sta lavorando per contribuire a colmare il divario finanziario attraverso il Partenariato per la Trasformazione Sostenibile dell’Agricoltura e dell’Alimentazione, noto come Partenariato FAST. Questa iniziativa multilaterale mira ad affrontare la scarsa disponibilità e accesso ai finanziamenti climatici per le soluzioni agrifood al cambiamento climatico ed è stata ufficialmente lanciata in un evento durante il Food, Agriculture and Water Day alla COP28.

Riduzione delle emissioni di gas serra dalla zootecnia

Un altro importante contributo della FAO a COP28 è stato un nuovo rapporto che sottolinea l’urgente necessità di ridurre le emissioni di gas serra dai sistemi zootecnici globali a causa della crescente domanda di prodotti animali terrestri e dell’aumento della popolazione mondiale. Il rapporto suggerisce molteplici opzioni di mitigazione che affrontano sia gli aspetti dell’offerta che della domanda nei settori zootecnici. Tali percorsi includono il miglioramento della salute degli animali, l’adozione di pratiche di allevamento migliori, la riduzione delle perdite alimentari e degli sprechi e l’abbattimento delle emissioni di gas serra.

Ripristino degli ecosistemi montani e nuovi finanziamenti per la gestione della pesca

In linea con il tema della Giornata Internazionale della Montagna di quest’anno, la FAO e il Programma Ambientale delle Nazioni Unite (UNEP) hanno pubblicato un rapporto a COP28 dal titolo “Restoring mountain ecosystems”. Il documento analizza 10 progetti di ripristino degli ecosistemi montani e raccomanda come i Dieci Principi per il Ripristino degli Ecosistemi della Decade delle Nazioni Unite possano essere applicati agli ecosistemi montani. Il rapporto sottolinea che gli ecosistemi montani, insieme ai milioni di persone rurali che dipendono da essi, sono minacciati e particolarmente vulnerabili ai cambiamenti climatici.

La FAO e il governo della Norvegia hanno presentato una nuova fase quinquennale del Programma EAF-Nansen, una partnership che risale al 1975 e coinvolge FAO, l’Agenzia Norvegese per la Cooperazione allo Sviluppo (Norad), l’Istituto di Ricerca Marina (IMR) in Norvegia, le organizzazioni regionali per la pesca e 32 paesi partner in Africa e nella Baia del Bengala. La Norvegia contribuirà con un budget di 1 miliardo di NOK (quasi 94 milioni di dollari) per il periodo 2024-2028, con l’obiettivo di intensificare gli sforzi per migliorare la sicurezza alimentare e nutrizionale nei Paesi partner, con un’enfasi maggiore sul rafforzamento della gestione delle risorse ittiche per affrontare gli impatti dei cambiamenti climatici.

Gestione integrata delle inondazioni per sistemi agrifood resilienti

Per affrontare le sfide poste dalle inondazioni nelle aree rurali, la FAO ha presentato il rapporto tecnico ‘Integrated flood management for resilient agrifood systems and rural development’. Il rapporto fornisce una prospettiva completa sull’impatto delle inondazioni nelle aree rurali e propone soluzioni integrate che offrono benefici a lungo termine per gli esseri umani e per la natura. Le raccomandazioni del rapporto mirano a migliorare la resilienza alle inondazioni nelle aree rurali.

Nuove collaborazioni e partenariati

Durante la sua visita a COP28 il Direttore Generale Qu Dongyu ha siglato partnership collaborative firmando tre MoU (Memorandum of Understanding) cruciali.

Italia: Rafforzamento della collaborazione sull’azione climatica in agricoltura. Il MoU tra la FAO e il Governo italiano si concentra sul supporto alle azioni climatiche globali, nazionali e locali e sulla promozione dell’attuazione della Strategia FAO sul Cambiamento Climatico 2022-2031 e del Piano d’Azione 2022-25.

AIIB: Il MoU con la Banca Asiatica per gli Investimenti nell’Infrastruttura (AIIB) si concentra sull’impulso allo sviluppo dell’infrastruttura rurale per trasformare i sistemi agrifood. Entrambi gli organismi si impegnano ad esplorare opportunità di collaborazione su soluzioni digitali, resilienza climatica e soddisfacimento dei bisogni di sviluppo sociale.

WTO: Il MoU con l’Organizzazione Mondiale del Commercio (WTO) rafforza la collaborazione sul commercio agrifood e la sicurezza alimentare. Amplia la partnership su sistemi agrifood, commercio, pesca, clima, ambiente e nutrizione, con un focus speciale sull’empowerment economico delle donne.

La FAO ha anche lanciato una Partnership per Sistemi Alimentari Resilienti all’Acqua, che cercherà di affrontare le interdipendenze critiche tra la salute del suolo, i cicli dell’acqua, e la produzione, lavorazione e trasporto alimentare.

Un altro lancio degno di nota è una nuova guida per implementare il Piano d’Azione congiunto per la Salute Unica, che fornisce indicazioni pratiche su come i paesi possono adottare e adattare il piano d’azione per rafforzare e sostenere l’azione nazionale per la Salute Unica.