Home Economia Dop economy, continua la crescita nel 2019. Per la pandemia formaggi e...

Dop economy, continua la crescita nel 2019. Per la pandemia formaggi e salumi perdono 450 milioni

234
0
salumi

Anche nel 2019 la Dop economy conferma la sua crescita. Il valore della produzione sfiora infatti i 17 miliardi di euro ma la tendenza va incontro a una prima, inevitabile, battuta d’arresto con l’irrompere della pandemia. Secondo le stime iniziali contenute nel XVIII rapporto Ismea-Qualivita, i formaggi a indicazione geografica perdono nel 2020 200 milioni di euro di fatturato per via della chiusura del canale Horeca. A questi vanno aggiunti i circa 100 milioni di ricavi in meno sul fronte dell’export. Anche per i salumi le misure di contenimento dell’emergenza sanitaria determinano un calo di 120 milioni per le restrizioni alla ristorazione e 30 milioni per l’export. 

Per una valutazione definitiva dell’entità delle ripercussioni della pandemia l’appuntamento è al prossimo anno. Nell’ultimo rapporto invece i dati sono comunque positivi, indice di un segmento produttivo fiorente, traino dell’agroalimentare italiano. Tutti gli indicatori sono in crescita, dalla produzione alle esportazioni all’impatto territoriale. Tra cibo e vino il valore complessivo della produzione registrato nel 2019 arriva a 16,9 miliardi di euro, con un aumento del 4,2% rispetto al 2018. La Dop economy è responsabile di ben il 20% del fatturato complessivo di tutto l’agroalimentare.

Considerando solo la parte food, il valore alla produzione è pari a 7,7 miliardi di euro, in crescita del 5,7% sull’anno passato. La crescita è ancora più rilevante se si considerano gli ultimi dieci anni: dal 2009 il dato è infatti incrementato del 54%. Su questo segmento crescono non solo i grandi prodotti, che da anni si fregiano dei marchi, ma anche le piccole filiere: oltre 50 milioni derivano dai prodotti registrati negli ultimi cinque anni mentre sfiora il mezzo miliardo quello dei prodotti che hanno guadagnato l’alloro dal 2010 in poi. Bene anche il valore al consumo. I 312 prodotti, fra Dop, Igp ed Stg, hanno fruttato 15,3 miliardi di euro: +6,4% sul 2018 e +63% confrontato al 2009.  

 

Foto: © nolonely_Fotolia

 

 

redazione