Home Economia Istat: agroalimentare “tiene”In controtendenza con calo industria

Istat: agroalimentare “tiene”In controtendenza con calo industria

239
0

L’agroalimentare continua a “tenere” sui mercati e a registrare un +0,5 per cento di ricavo, mentre il fatturato dell’industria scende ancora a febbraio, segnando il 14esimo calo tendenziale a -4,7 per cento. Sono i dati diffusi dall’Istat.

Il segmento alimentari e bevande “resiste” meglio degli altri comparti alla congiuntura negativa e anche a febbraio riesce ad aumentare la produzione (+3,5 per cento), a non perdere ordini e, soprattutto, a mantenere il fatturato in territorio positivo (+0,5 per cento). Si tratta di un andamento opposto a quello che altri settori del mercato fanno registrare. Secondo i dati Istat, il settore auto ha perso a febbraio si in termini di produzione di fatturato il 18,1%. 

Numeri che sostengono il ruolo trainante dell’agroalimentare in Italia, con un valore pari a 250 miliardi di euro, circa un quarto del Pil, trascinato in alto dalle performance eccezionali di prodotti come il vino, che tocca i 14 miliardi di euro di fatturato annuo complessivo (4,7 miliardi solo con l’export); la pasta con un giro d’affari di oltre 4,5 miliardi (di cui il 40 per cento destinato ai mercati oltreconfine); l’olio con un fatturato di 3 miliardi (di cui 1,2 miliardi attraverso le esportazioni).      

 

 Foto: Pixabay

Redazione