Home Economia Fao: salgono prezzi alimentariIncognita maltempoper il mercato dei cereali

Fao: salgono prezzi alimentariIncognita maltempoper il mercato dei cereali

62
0

Freddo e neve stanno rilanciando verso l’alto il prezzo dei cereali. L’indice dei prezzi alimentari tra dicembre e febbraio è salito quasi del due per cento, ovvero di quattro punti. Si tratta del primo aumento dal luglio 2011, ricorda la Fao in una nota stampa.
I prezzi di tutte le derrate comprese nell’indice hanno registrato un incremento, con gli oli che segnano l’aumento maggiore, seguiti a breve distanza da cereali, zucchero, prodotti latteo-caseari e dalla carne. Al nuovo livello di 214 punti, l’indice si attesta tuttavia al 7 per cento in meno rispetto al gennaio dello scorso anno.
“Non c’è una sola spiegazione dietro questo rialzo – per ogni singolo gruppo hanno giocato fattori diversi”, dice l’economista senior della FAO Abdolreza Abbassian. “Ma di certo l’incremento, nonostante la previsione di raccolti record, il miglioramento della situazione degli stock e dopo sei mesi di prezzi stabili o in discesa, evidenzia l’imprevedibilità che domina i mercati alimentari mondiali”, ha aggiunto.
“Non mi sembra che i soliti sospetti – il valore del dollaro ed il prezzo del petrolio – siano stati rilevanti nel mese di gennaio, mentre uno dei motivi è il cattivo tempo che al momento colpisce importanti regioni produttive come il Sudamerica e l’Europa. Il clima ha avuto un ruolo e continua ad essere motivo di preoccupazione”, ha concluso.
In gennaio l’Indice Fao dei prezzi cerealicoli ha registrato una media di 223 punti, un aumento del 2,3 per cento (5 punti) dal dicembre 2011. I prezzi internazionali di tutti i cereali principali, ad eccezione del riso, sono saliti con il mais che ha registrato gli aumenti maggiori – il 6 per cento.  Anche i prezzi del grano sono aumentati, anche se in misura minore.

 

Foto: Pixabay

red.