Home Attualità Faostat, rinnovata la più completa banca dati sull’agricoltura

Faostat, rinnovata la più completa banca dati sull’agricoltura

133
0

L’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (Fao) ha rinnovato e migliorato l’accessibilità del sito web Faostat, che rappresenta la più completa banca dati mondiale su alimentazione, agricoltura, pesca, silvicoltura, gestione delle risorse naturali e nutrizione. La Fao evidenzia che adesso il portale risulta pienamente compatibile con i dispositivi mobili, possiede un’interfaccia all’avanguardia, ha maggiori opzioni di ricerca e filtri migliori, garantisce una navigazione più semplice ed è dotato di migliori opzioni di download. Inoltre, l’architettura generale del sistema è stata resa più flessibile, in modo da consentire la pubblicazione più veloce di nuove informazioni.

Fin dal 1961 Faostat offre libero accesso a dati temporali e trasversali relativi a 245 paesi e territori. L’ultima versione del sito presenta una serie di indicatori chiave pronti per l’utilizzo, che sono suddivisi per paese, per regione e per l’intero pianeta. Ne sono un esempio l’uso del suolo, la produzione alimentare, l’accesso al cibo e agli stanziamenti governativi di bilancio per l’agricoltura. Fra l’altro, alcuni di questi indicatori coincidono con quelli adottati per valutare e misurare i progressi verso gli obiettivi fissati nell’“Agenda per lo sviluppo sostenibile 2030”.

La Fao assicura che Faostat contribuirà a monitorare gli sforzi profusi dalla comunità internazionale per sradicare la povertà estrema, la fame e la malnutrizione entro il 2030, e per promuovere un’agricoltura e un uso delle risorse naturali sostenibili. Inoltre, i dati Faostat sulle emissioni di gas serra possono facilitare l’analisi delle opzioni più efficaci per ridurre il rilascio di sostanze inquinanti lungo le filiere alimentari. In questo modo, possono aiutare i paesi e gli agricoltori a sviluppare strategie ecologiche più efficienti, capaci di garantire la sicurezza alimentare e di consentire l’accesso ai finanziamenti internazionali per il clima.

 

Foto: Pixabay

red.