Home Attualità Usa, aumenta prezzo del mais grazie alla crescita delle esportazioni

Usa, aumenta prezzo del mais grazie alla crescita delle esportazioni

219
0
mais

L’aumento delle esportazioni ha favorito l’incremento del prezzo del mais negli Usa. È quanto emerge dal rapporto “World Agricultural Supply and Demand Estimates” diffuso a giugno dal Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti (Usda), secondo cui le esportazioni del cereale sono aumentate di 50 milioni di bushel. Questo ha influenzato le quotazioni del mais, che nella stagione 2016-17 dovrebbero crescere da 15 centesimi a 3,5 dollari a bushel. Attualmente il prezzo del mais è compreso tra 3,20 e 3,80 dollari per bushel.

“La National corn growers association (Ncga) è lieta che la domanda di esportazioni continui a crescere e, quindi, che anche i prezzi siano un po’ aumentati – dichiara al sito World Grain Chip Bowling, Presidente Ncga -. Come dimostra il rapporto di questo mese, anche piccoli aumenti nella domanda possono avere un impatto sui prezzi. Lavorando insieme, possiamo fare in modo di sommare ogni piccolo influsso per creare una vera e propria spinta per le famiglie contadine”.

L’Usda ritiene che l’aumento delle esportazioni sia effetto del miglioramento della competitività rispetto agli altri paesi esportatori. Inoltre, evidenzia che sono superiori a quelle registrate nello stesso periodo dell’anno precedente. Questo ha determinato una diminuzione delle scorte, che sono diminuite di circa 2 miliardi di bushel. Comunica, infine, che per la stagione 2016-17 si prevede un raccolto record negli Usa: le stime indicano che la produzione complessiva dovrebbe raggiungere i 14,4 miliardi di bushel.

 

Foto: Pixabay

red.