Home Attualità Sicurezza alimentare, nasce network per migliorare gestione crisi alimentari

Sicurezza alimentare, nasce network per migliorare gestione crisi alimentari

263
0

Realizzato un network diretto a gestire i rischi globali per la sicurezza alimentare. L’iniziativa nasce dalla collaborazione tra Organizzazione per l’alimentazione e l’agricoltura (Fao), Programma alimentare mondiale (Wfp) e Unione Europea, che si sono impegnati a rafforzare l’efficacia delle risposte alle crisi alimentari mondiali. Come? Attraverso la stesura e la condivisione in tempo reale di rapporti che forniscono, caso per caso, possibili soluzioni.

La partecipazione al “Network globale per l’insicurezza alimentare, la riduzione del rischio e la risposta alle crisi alimentari” sarà aperta a tutti coloro che siano in grado di contribuire alle analisi e alle risposte. Il progetto intende anche promuovere la collaborazione tra gli stakeholders e favorire l’adozione di soluzioni condivise che permettano di affrontare e sconfiggere le crisi alimentari in tutto il mondo. Si prefigge, inoltre, di mettere a disposizione le esperienze acquisite durante le crisi passate e di migliorarne l’efficacia.

“Raccogliere, analizzare e condividere dati significativi – afferma Ertharin Cousin, Direttore esecutivo del Wfp – è essenziale per rispondere ai bisogni delle persone più svantaggiate e più vulnerabili ai cambiamenti climatici e per favorire la loro capacità di recupero”.

“Per poter migliorare realmente la gestione delle crisi alimentari, le analisi sulla sicurezza alimentare devono essere affidate agli stakeholder nazionali e regionali delle aree colpite dalle crisi – José Graziano da Silva, Direttore generale Fao -. Dobbiamo costruire su ciò che già esiste per creare soluzioni sostenibili. Ciò che vogliamo creare oggi è un network di networks a disposizione di tutti gli enti interessati, diretto a guidare le autorità governative, gli altri organismi internazionali e gli esponenti della società civile, mentre viene rafforzato il coordinamento tra le agenzie dell’Onu”.

 

Foto: Pixabay

redazione