Home Attualità Nasce piattaforma informatica per contrastare le micotossine

Nasce piattaforma informatica per contrastare le micotossine

64
0
grano

Un progetto europeo quadriennale, finanziato con 5 milioni di euro, intende creare una piattaforma informatica in grado di fornire, in tempo reale, consigli su misura per contrastare le micotossine. L’iniziativa, chiamata MyToolBox, coinvolge un team multidisciplinare formato da scienziati, ingegneri, esperti informatici, autorità politiche, docenti universitari e imprenditori. L’obiettivo perseguito è quello di ridurre la contaminazione delle colture in misura compresa tra il 20 e il 90%. A riferirlo è la rivista online FeedNavigator, che ha intervistato il coordinatore del progetto Rudi Krska, docente presso la University of natural resources and life sciences di Vienna (Austria).

“Moltissime aziende ci hanno chiesto di poter prendere parte al progetto, tanto che gli industriali rappresentano il 40% dei membri del consorzio – afferma Krska -. C’è molto interesse a scoprire metodi innovativi per prevenire e controllare la contaminazione da micotossine dei raccolti”.

L’Unione Europea produce ogni anno circa 133 milioni di tonnellate (Mt) di grano, 68 mt di mais e 8 mt di avena. Ma il raccolto viene minacciato dalla micotossine: il mercato europeo del grano perde, a causa di questa piaga, una cifra compresa tra 1,2 e 2,4 miliardi di euro. Pertanto, ridurre soltanto dell’1% la perdita del raccolto provocata dalla contaminazione, potrebbe permettere di risparmiare tra 12 a 24 milioni di euro.

MyToolBox nasce con lo scopo di sviluppare la ricerca di nuove tecniche capaci di combattere le micotossine. Inoltre, intende garantire l’accesso immediato a tutte le conoscenze disponibili sull’argomento. In questo modo, gli agricoltori e i produttori di alimenti e mangimi potranno consultare lo smartphone o il tablet e individuare, in tempo reale, le misure più efficaci per ridurre la contaminazione biologica delle colture.

Foto: © mozZz – Fotolia

n.c.