Home Attualità Usa, gruppo di esperti analizza futuri sviluppi delle biotecnologie

Usa, gruppo di esperti analizza futuri sviluppi delle biotecnologie

305
0

Il governo degli Stati Uniti ha incaricato un gruppo di esperti di valutare i futuri sviluppi delle biotecnologie. Gli specialisti, scelti fra illustri ricercatori del mondo accademico e industriale, si sono riuniti per la prima volta il 20 aprile a Washington, presso la sede del Nas (National academies of sciences, engineering and medicine), per analizzare il modo in cui lo sviluppo degli organismi geneticamente modificati si evolverà nei prossimi 5-10 anni. Inoltre, dovranno capire se l’impiego di nuove tecniche potrebbe arrecare danni alla salute umana o all’ambiente.

L’iniziativa governativa rientra tra i lavori preparatori all’aggiornamento, da parte delle autorità regolatorie, del quadro giuridico relativo ai prodotti biotecnologici. La Casa Bianca ha infatti assegnato alla Food and drug administration (Fda), al Dipartimento statunitense dell’Agricoltura (Usda) e all’Environmental protection agency (Epa) il compito di revisionare la normativa sugli Ogm, alla luce dei nuovi sviluppi tecnologici. L’obiettivo è quello di semplificare le leggi che regolano l’entrata dei prodotti Gm nel mercato, che al momento risultano piuttosto complesse.

Il gruppo di esperti dovrà analizzare le potenzialità e gli eventuali rischi connessi all’impiego delle nuove biotecnologie e rilasciare le sue valutazioni a dicembre. In particolare, dovrà valutare gli effetti dell’impiego della tecnica Crispr (Clustered regularly interspaced short palindromicrepeats), un innovativo metodo d’ingegneria genetica a basso costo, estremamente preciso ed efficiente.

“Siamo certamente consapevoli del fatto che la scienza sta compiendo rapidi progressi – ha dichiarato durante l’incontro Carrie McMahon, Responsabile del settore “sicurezza dei consumatori” del Centro per la sicurezza alimentare e la nutrizione applicata della Fda -. Sta succedendo così velocemente che questo comitato potrà davvero svolgere un grande servizio per le agenzie, aiutandole a capire cosa sta succedendo”.

Foto: © Noam – Fotolia

n.c.