Home Attualità A febbraio stabili i prezzi delle materie prime alimentari

A febbraio stabili i prezzi delle materie prime alimentari

168
0

A febbraio il calo dei prezzi dello zucchero e dei prodotti lattiero-caseari è stato compensato dal brusco aumento delle quotazioni degli oli vegetali. Di conseguenza, l’Indice dei prezzi alimentari elaborato dalla Fao (Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura) è rimasto stabile: con una media di 150,2 punti, si è differenziato soltanto di 0,2 punti rispetto al mese precedente (150,0 punti). È invece diminuito del 14,5% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.

La Fao ha rilevato una forte crescita del prezzo degli oli vegetali, che è salito dell’8% rispetto a gennaio. In particolare, sono aumentate del 13% le quotazioni dell’olio di palma, a causa del calo delle scorte e delle stime negative sulla futura produzione. I prezzi dell’olio di soia, invece, sono rimasti stabili.

L’Indice Fao del prezzo dello zucchero è sceso del 6,2% rispetto a gennaio. Il calo è dovuto alle abbondanti scorte globali e alle migliori condizioni delle coltivazioni in Brasile, che rappresenta il più grande produttore ed esportatore al mondo.

A febbraio l’indice Fao del prezzo dei prodotti lattiero-caseari è sceso del 2,1% rispetto al mese precedente, per un rallentamento delle importazioni, soprattutto dalla Cina.

L’Indice Fao dei prezzi dei cereali è rimasto tendenzialmente stabile: è sceso solo di mezzo punto percentuale rispetto al mese precedente. Risulta, tuttavia, più basso del 13,7% rispetto all’anno scorso. I prezzi del grano sono scesi dell’1,5%, quelli del mais sono diminuiti solo lievemente, mentre il prezzo del riso ha registrato un incremento significativo.

Leggermente aumentato l’Indice Fao del prezzo della carne, trainato dai vincoli di approvvigionamento per le carni bovine da Australia e Stati Uniti e dal supporto dato all’ammasso privato delle carni suine nell’Unione Europea. Sono scesi, invece, i prezzi del pollame, a causa dei minori costi dei mangimi.

Foto: © JPchret – Fotolia.com

red.