Home Attualità Usda: previsto rialzo del prezzo del mais, stabile quello della soia

Usda: previsto rialzo del prezzo del mais, stabile quello della soia

225
0

Per la stagione 2015-16, previsto un leggero rialzo del prezzo del mais statunitense. Quello della soia, invece, dovrebbe restare stabile. È quanto emerge dal rapporto: “World Agricultural Supply and Demand Estimates (Wasde)” pubblicato dal Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti (Usda). Secondo il documento, durante l’annata 2015-16 il costo del granoturco prodotto negli Usa dovrebbe salire di circa 5 centesimi. Pertanto, il cereale sarà venduto tra i 3,50 e i 4,10 dollari per bushel. Per quanto riguarda la soia, si è registrato sia un aumento della domanda, sia un incremento della produzione. Il costo del legume, pertanto, non dovrebbe subire mutamenti.

Il rapporto ha anche rilevato una riduzione della superficie di terreno destinati alla coltivazione di mais e soia. Nello specifico, i campi piantati con il cereale sono diminuiti di circa 437 mila acri, mentre quelli seminati con la soia sono stati 1,1 milioni di acri in meno. Tuttavia, per quanto riguarda il mais, è previsto un aumento di 0,5 bushel per acro, che dovrebbe compensare parzialmente la riduzione degli acri, portando la resa per acro a 168 bushel. Anche la resa della soia dovrebbe crescere: si attende un aumento di 47,2 bushel per acro. Questo potrebbe, in parte, compensare la riduzione della superficie coltivata,

La produzione di mais attesa per la stagione 2015-16 dovrebbe diminuire di 30 milioni di bushel, attestandosi a un livello leggermente inferiore rispetto a quella precedente. Le scorte finali dovrebbero essere circa 31 milioni in meno, fermandosi sui 1,6 miliardi di bushel.

La produzione statunitense di soia per l’annata 2015-16 dovrebbe ridursi di 47 milioni di bushel, attestandosi su circa 3,9 miliardi di bushel. Inoltre, le provviste dovrebbero essere 66 milioni di bushel in meno di quanto inizialmente previsto. Infine, le esportazioni del legume dovrebbero diminuire di 50 milioni di bushel, a causa del rallentamento delle vendite e della concorrenza degli altri paesi.

Foto: © Dusan Kostic-Fotolia

redazione