Home Attualità Igc, sale prezzo del grano

Igc, sale prezzo del grano

177
0

I prezzi del grano, inizialmente sotto pressione, hanno subito un rialzo a causa delle cattive condizioni climatiche. È quanto emerge dal “Grain Market Report”, l’analisi del mercato globale dei cereali elaborata dall’International Grains Council (Igc), che ha dichiarato: “Le recenti piogge sono state accolte con favore, ma nelle zone in cui sono divenute torrenziali hanno destato preoccupazione per le rese e, in particolare, per la qualità delle colture”.

Il rapporto evidenzia un rialzo dei prezzi del frumento rispetto al mese precedente, quando i costi erano diminuiti a causa degli ingenti quantitativi presenti sul mercato e attesi. “I prezzi mondiali del grano sono rimasti sotto pressione nel mese scorso, a causa di una domanda fiacca e dell’attesa di una produzione abbondante a livello globale. Tuttavia, la situazione è stata modificata dalle potenziali minacce climatiche”. In particolare, all’inizio del mese il grano statunitense era venduto ai paesi esteri a un prezzo fob di 208 dollari, circa 15 dollari in meno. Tuttavia, a fine mese le cattive condizioni climatiche e le inondazioni di alcune coltivazioni hanno permesso di recuperare le perdite. Il cereale è stato venduto a un prezzo fob di 235 dollari.

L’International Grains Council ha precisato che il mercato statunitense, tuttavia, resta debole, a causa delle prospettive di un buon raccolto per il prossimo anno e della forte concorrenza da parte delle regioni del Mar Nero. “I valori delle esportazioni dei cereali dalle regioni del Mar Nero sono rimasti competitivi dall’inizio della campagna di commercializzazione 2015-16, anche se a luglio hanno registrato un lieve calo”.

 

Foto: Pixabay

redazione