Home Attualità Malattie del grano, avviata iniziativa internazionale per contrastare la Stb

Malattie del grano, avviata iniziativa internazionale per contrastare la Stb

157
0

La diffusione della malattia del grano Septoria tritici blotch (Stb) potrebbe costare tra i 120 e i 700 milioni di euro alle economie di Francia, Germania e Regno Unito, i principali produttori europei del cereale. Ad affermarlo è Sarah Gurr, ricercatrice dell’Università di Exter (Regno Unito), che fa parte del gruppo di studiosi che ha promosso un’iniziativa internazionale per trovare una strategia contro la patologia. Il progetto rappresenta una fondamentale sfida per la sicurezza alimentare, tanto che la rivista Fungal Genetics and Biology ha dedicato all’argomento l’intera edizione di giugno.

Il 70% dei fungicidi acquistati ogni anno in Europa, per un valore di circa 1 miliardo di euro, è rivolto contro il fungo responsabile della Stb, chiamato Zymoseptoria tritici. Tuttavia, la sua resistenza ai pesticidi sta aumentando, insieme al pericolo che la Septoria tritici blotch si diffonda ulteriormente. Per questo, secondo gli esperti, occorre trovare al più presto una soluzione.

Nel corso di uno studio, il professor Gero Steinberg ha elaborato un quadro d’insieme di tutte le conoscenze sulla Stb, basato sull’analisi dei risultati di 28 ricerche sull’argomento. Lo studioso ritiene che gli studi biologici potrebbero migliorare la comprensione della strategia messa in atto dal fungo durante l’infezione. Tuttavia, l’organizzazione cellulare e le dinamiche intracellulari dell’agente patogeno sono ancora in gran parte inesplorate. Approfondirne la conoscenza potrebbe, a suo avviso, permettere di capire il modo più indicato per contrastarlo.

“L’agente patogeno fungino Zymoseptoria tritici rappresenta una minaccia reale per la produzione di grano – osserva Gero Steinberg -. In un momento caratterizzato da cambiamenti climatici e dalla crescita della popolazione mondiale, i ricercatori dell’Università di Exeter sono scesi in campo e si sono aggiunti alla ricerca mondiale per capire la biologia di questo agente patogeno“.

 

Foto: Pixabay

Nadia Comerci