Home Attualità Usa, la coltivazione di soia aumenterà dell’1% rispetto al 2014

Usa, la coltivazione di soia aumenterà dell’1% rispetto al 2014

86
0

Negli Stati Uniti, i terreni coltivati con la soia dovrebbero raggiungere, quest’anno, gli 84.600.000 acri, con una crescita dell’1% rispetto al 2014. È quanto emerge dal rapporto: “Prospective Plantings Report” pubblicato dal Dipartimento dell’Agricoltura (USDA) degli Stati Uniti, secondo cui a guidare la ripresa del settore sarebbe soprattutto lo stato dell’Iowa, dove le coltivazioni di soia dovrebbero superare i 10 milioni di acri, registrando un aumento del 2% rispetto allo scorso anno.

Secondo il rapporto, le intenzioni di semina per il 2015 sono superiori o restano stabili in 21 stati dei 31 maggiori produttori di soia degli Usa. È previsto che gli agricoltori dell’Iowa pianteranno il maggior numero di semi di soia a livello nazionale, mentre l’Illinois con 9,9 milioni di acri si piazza al secondo posto.

Gli amministratori della Iowa Soybean Association (ISA) sono appena tornati da una missione commerciale in Cina, il maggiore consumatore di soia al mondo, la cui economia è destinata a crescere di circa il 7%. Il mercato cinese è il primo obiettivo dell’Associazione, che intende esportare la soia americana anche in Thailandia, Indonesia e India.

“La storia ha dimostrato che i cinesi acquistano quantità più elevate quando i prezzi risultano più bassi – spiega Kirk Leeds, amministratore delegato dell’ISA -. Noi ci troviamo di fronte a una sfida: in questo momento abbiamo un’ingente produzione, in un contesto in cui il dollaro è forte. Questa situazione avvantaggia il Brasile piuttosto che gli Stati Uniti”.

 

Foto: Pixabay

n.c.