Home Attualità Mais e soia: anno da raccolti-record

Mais e soia: anno da raccolti-record

585
0
mais

Il raccolto di mais di quest’anno sarà di gran lunga il più grande mai ottenuto: a sostenerlo è l’Usda, il Dipartimento per l’agricoltura degli Stati Uniti, secondo le cui stime i coltivatori di mais raccoglieranno, al termine della prossima stagione, 14,4 miliardi di bushel contro i 13,9 miliardi bushel dello scorso anno. La resa prevista di 172 bushel per acro sarà notevolmente superiore al precedente record stabilito nel 2009, quando i bushel per acro furono mediamente 165. I rendimenti record saranno registrati, con ogni probabilità, in 18 Stati, tra cui Illinois, Iowa e Nebraska e a conti fatti il mais che rimarrà di scorta – una volta venduta la quantità necessaria all’alimentazione umana e animale e alla produzione di etanolo, comprese le esportazioni – sarà pari a circa 2 miliardi di bushel, la quantità più alta dal 2004.

 

Il massiccio raccolto atteso quest’anno, spiegano gli esperti, è dovuto soprattutto a un tasso di pioggia e alla persistenza di temperature fresche adeguati alla crescita di questa coltura. Nonostante le aspettative di un raccolto record abbiano provocato già da diversi mesi una diminuzione dei prezzi, fino ad adesso sono state rilevate poche – se non nulle – variazioni di prezzo nel commercio al dettaglio. 

 

Dati positivi anche per quanto concerne la soia, le cui rese secondo le stime arriveranno a segnare il record di 3,9 miliardi di bushel, superando il precedente record di 3,4 miliardi di bushel registrato nel 2009 (la resa per ettaro si stima sarà pari a 46,6 bushel per acro, contro i 44 bushel per acro del 2009). Secondo l’Usda le scorte di soia che rimarranno nei magazzini statali – al netto di ogni utilizzo della coltura e delle esportazioni – saranno pari a 475 milioni di bushel, la cifra più alta dal 2006.

 

Foto: Pixabay

m.c.