Home Attualità Peste suina: conclusa ispezione Ue in Sardegna

Peste suina: conclusa ispezione Ue in Sardegna

96
0

Si è conclusa nei giorni scorsi la visita ispettiva in Sardegna del Food Veterinary Office (Fvo) di Dublino, prevista nell’ambito delle misure straordinarie contenute nel Piano della Peste. La task force ha ribadito la necessità di combattere la presenza di maiali illegali negli allevamenti. Lo comunica il ministero della Salute.

 

Il piano approvato dalla Commissione europea nel novembre 2012 ha l’obiettivo di eradicare la malattia dalla Sardegna. Nell’isola l’allarme è presente dal 1978 e è quasi esclusicamente creato dall’allevamento di suini illegali, dagli allevamenti allo stato brado, dall’impropria gestione degli usi civici nei pascoli demaniali e’ dalla totale assenza di controlli dei suini nelle aree protette. Per tutte queste cause, ad oggi, rileva il ministero in una nota, ”la peste suina africana è sottostimata e quindi sottonotificata”.

 

La presenza di questa malattia, oltre a rappresentare una forte limitazione allo sviluppo del settore suinicolo e dei prodotti tipici della salumeria destinati alla commercializzazione fuori dall’isola, crea difficoltà agli scambi intracomunitari e costituisce un grave handicap nelle procedure di negoziazione tra l’Unione europea e i Paesi terzi che fanno pesare, in modo rilevante, la presenza della malattia in Europa. L’analisi degli ispettori del Fvo, afferma il dicastero della Salute, ”coincide perfettamente con quanto puntualmente rilevato dal ministero nel corso delle attività di vigilanza svolte negli anni e da ultimo anche da parte dei Nas, e le cui risultanze sono state segnalate alle autoritàregionali e al delegato del Presidente della Regione Cappellacci nel tavolo interassessoriale per l’attuazione delle misure straordinarie di lotta alla peste suina africana”.

 

Redazione