• L'alimentazione in acquacoltura

    Print
    Acquacoltura

    Tipicamente gli allevamenti di organismi acquatici si suddividono in intensivi, semi-intensivi ed estensivi sulla base del grado di intervento umano nella loro gestione, che cresce progressivamente passando dagli allevamenti estensivi a quelli intensivi. Tale intervento è quantificabile sostanzialmente con l’apporto di alimento dall’esterno, con la rimozione dei cataboliti e con l’apporto di ossigeno all’acqua di allevamento. In Italia l’acquacoltura, con i suoi 800 impianti e circa 15.000 addetti, contribuisce a circa il 50% della produzione ittica nazionale con una quantità di circa 230.000 t di prodotto. Si allevano principalmente molluschi (116.000 t mitili e 42.000 t vongole), trote (41.000 t), branzini e orate (rispettivamente 9800 e 9600 t), anguille (1400 t), storioni (1350 t), carpe e altri ciprinidi (750 t) pesci gatto (550 t) e altre specie (sarago, tonno, cefalo, luccio, salmerino, 7000 t in totale). Le conoscenze sui fabbisogni alimentari delle specie ittiche allevate, sulla formulazione dei mangimi, sulla gestione dei mangimi in allevamento negli ultimi decenni sono state incessantemente approfondite, sebbene non abbiano ancora raggiunto i livelli delle altre specie di interesse zootecnico.

     

    Nell’alimentazione del pesce si è partiti molti decenni fa con l’utilizzo di alimenti crudi e sottoprodotti dell’industria di trasformazione, fino ad arrivare ai giorni nostri con mangimi completi estrusi prodotti con materie prime di pregio ed elevatissima tecnologia. Notevole attenzione si è poi data agli aspetti gestionali di distribuzione del mangime ed alle tematiche ambientali, nel tentativo di ridurre al massimo gli sprechi di materia organica, l’inquinamento e l’eutrofizzazione delle acque. L’alimentazione degli organismi acquatici allevati in sistemi intensivi ha subito un’evoluzione negli ultimi cinquant’anni che ha notevolmente contribuito ad aumentare la produttività dell’acquacoltura a livello mondiale.

     

    All’inizio degli anni ’60 si utilizzavano scarti della lavorazione del pesce, oppure pesce intero tal quale per alimentare pesci ittiofagi. Questa pratica però era poco efficiente, in quanto produceva una gran quantità di scarti che inquinava notevolmente l’acqua, rendendo quindi impossibile aumentare la densità di pesce allevato. La pratica dell’utilizzo di pesce foraggio per alimentare il pesce allevato è inoltre molto rischiosa dal punto di vista sanitario, in quanto si introducono nell’ambiente di allevamento numerosi organismi potenzialmente patogeni. La tappa successiva verso l’ottimizzazione delle tecniche di alimentazione per i pesci è stata l’utilizzo di pastoni, creati partendo da ingredienti stabili, quali farine di pesce, farine vegetali e olii di pesce. L’alimento umido viene tutt’ora utilizzato con profitto nell’allevamento tradizionale italiano delle anguille.

     

    All’alimento umido è seguito l’alimento pellettato, che offriva il vantaggio di poter essere prodotto e stoccato in azienda, oppure poteva essere acquistato da azienda mangimistiche che cominciarono quindi a formulare delle diete ottimizzando la loro composizione in base sia alla specie allevata, sia alla taglia dei pesci stessi. L’ultima evoluzione nella mangimistica per l’acqgirasole feeduacoltura è stata l’introduzione dell’estrusione, avvenuta intorno alla fine degli anni ‘80. Questa tecnica di produzione ha apportato due grossi vantaggi. Il primo consiste nel poter scegliere il grado di galleggiamento dell’alimento, agendo sulla densità dell’estruso. Ciò consente oggi di avere a disposizione mangimi galleggianti, affondanti o semiaffondanti. Infatti il comportamento dell’alimento nella colonna d’acqua è un aspetto molto importante per assecondare le attitudini alimentari di diverse specie ittiche. Il secondo vantaggio portato dal processo di estrusione riguarda la possibilità di aumentare notevolmente la percentuale lipidica del mangime, grazie alla sua porosità. Ciò ha portato alla formulazione di diete ad elevata energia, contenenti fino al 30-35% di lipidi. La quantità di lipidi contenuti in un mangime per acquacoltura riveste grande importanza per l’utilizzo delle sostanze nutritive da parte degli organismi acquatici allevati. I pesci, soprattutto le specie carnivore, ovvero quelle maggiormente allevate in Europa, presentano una scarsa capacità digestiva verso i carboidrati.

     

    Essi prediligono utilizzare le proteine e i grassi come fonte energetica. Una dieta che riesce a fornire l’energia necessaria al metabolismo del pesce tramite i lipidi consente di risparmiare la proteina, che verrà quindi utilizzata più per l’accrescimento che come fonte energetica. Utilizzare meno proteine per scopi energetici è importante sia per avere diete meno costose, visto il costo che le farine di pesce presentano, sia per produrre meno scarti azotati in acqua, in quanto l’utilizzo degli aminoacidi come fonte energetica determina la liberazione in acqua di una maggior quantità di ammoniaca da parte del pesce. L’acquacoltura è il settore zootecnico a più rapida espansione a livello mondiale. Il suo tasso di crescita negli ultimi decenni è stato dell’8% su base annuale. Nel 2013 per la prima volta nella storia vi è stato il sorpasso sulla carne bovina, con la produzione di 66 milioni di tonnellate di prodotti di acquacoltura contro le 63 di carne bovina (Earth Policy Institute, Washington).

     

    L’espansione del settore è stata molta rapida negli ultimi decenni, producendo come effetto una sempre maggiore richiesta di materie prime per produrre alimenti per pesci, e nello specifico farine e oli derivati dal pesce. Questi due ingredienti derivano per lo più dalla lavorazione di piccoli pesci pelagici pescati e non destinati al consumo diretto da parte dell’uomo. Solo una parte marginale delle farine e oli di pesce utilizzati nella formulazione dei mangimi derivano dalla lavorazione degli scarti del pesce destinato al consumo umano. La FAO ha stimato che nel 2009 la pesca ha fornito circa 90 milioni di tonnellate di prodotto, di cui circa 20 milioni di tonnellate sono state utilizzate per la produzione di farine e oli di pesce. La risorsa ittica con cui si ricavano queste materie prime è sottoposta quindi a una forte pressione di pesca e gli stock ittici sono in contrazione a livello mondiale, con la conseguenza che il prezzo di queste materie prime è in costante aumento. Inoltre la quantità disponibile sul mercato non è in grado di crescere con gli stessi ritmi che sta avendo la domanda mondiale, considerando che queste materie prime vengono usate anche per alimentare specie zootecniche terrestri, quali gli avicoli e i suini, e sono largamente utilizzate anche nella formulazione delle diete per gli animali da compagnia. Da tutte queste considerazioni deriva la sempre maggiore necessità di formulare delle diete equilibrate per pesci che utilizzino delle fonti proteiche e lipidiche di origine vegetale, e quindi potenzialmente rinnovabili nel breve periodo, per alimentare il pesce allevato.

     

    La ricerca ha dimostrato che in molte specie ittiche una sostituzione parziale della farina di pesce con altre farine di origine vegetale non comporta una riduzione significativa dell’accrescimento del pesce e della sua capacità di digerire e convertire l’alimento in masse muscolari. Anche per quanto riguarda la componente lipidica si è evidenziata la possibilità di sostituire una parte di olio di pesce con oli di origine vegetale, senza grosse differenze di performances. La sostituzione degli oli e farine di pesce con prodotti di altra origine è stata anche necessaria per risolvere il problema di sostenibilità che emerge osservando il rapporto tra la quantità di pesce utilizzato per la formulazione delle diete e la quantità di pesce allevato prodotto. Questo rapporto, che gli angosassoni chiamano “fish in fish out”, era molto sfavorevole in passato, in quanto alcune produzioni ittiche utilizzavano fino a 5 kg di pesce pescato per produrre 1 kg di pesce allevato.

     

    Ora, grazie ai progressi della mangimistica, tale rapporto si è ridotto per tutte le specie allevate, anche per quelle strettamente carnivore. Ad esempio al giorno d’oggi un salmone allevato è in grado di crescere in maniera più veloce, ingerendo meno pesce per la sua alimentazione rispetto ad un esemplare della stessa specie selvatico. Grazie alla selezione genetica dei pesci allevati e alla formulazione di alimenti sempre più correttamente bilanciati il settore dell’acquacoltura è in grado di fornire indici di conversione alimentare altamente efficienti, i migliori tra tutti gli animali zootecnici. Per alcune specie si è arrivati a indici inferiori a 1, ovvero occorre meno di un kg di mangime, che ha una sostanza secca superiore al 95%, per la crescita di un kg dell’animale.

    Vittorio Maria Moretti e Mauro Vasconi - Università degli Studi di Milano 28-07-2014 Tag: acquacolturapesciitticolturamangimi
Articoli correlati