• Chi paga il no agli Ogm? Coop Italia: “Maggiori oneri solo per noi”

    Print

    Parla Claudio Mazzini, responsabile Sostenibilità, Innovazione e Valori di Coop Italia

    Allevamento vacche

    No-Ogm alla prova del mercato. Il caso di scuola è quello di Coop Italia. Era il 2000 quando il Consorzio delle cooperative leader nella grande distribuzione otteneva la prima certificazione no-Ogm nell'alimentazione degli animali destinati a diventare carne a marchio Coop. Ma a che prezzo? E quanto pesa e chi paga questa scelta radicale? “Si tratta di un progetto oneroso con un investimento dell’ordine di 10 milioni di euro all’anno, ma che dimostra”, spiega a Mangimi&Alimenti Claudio Mazzini, responsabile Sostenibilità, Innovazione e Valori di Coop Italia, “che, pur con gli investimenti necessari, la creazione di un sistema affidabile di fornitura e utilizzo di mangimi non-OGM è concretamente realizzabile e fattibile, senza aggravi per i consumatori, ma anzi rispondendo a una loro manifesta esigenza di qualità”.

     

    La filiera è blindata. Ci sono specifici disciplinari che risalgono la filiera dettagliando le richieste per i mangimifici, gli allevatori, i macelli. “Coop ha progettato e messo in atto un sistema di garanzie volto ad assicurare i consumatori sul non utilizzo di mais, soia e loro derivati OGM nei propri prodotti a marchio – continua Mazzini -. Gli allevatori devono approvvigionarsi esclusivamente da mangimifici preventivamente validati da Coop – ricorda Mazzini – e a loro volta i mangimifici devono rifornirsi da fonti qualificate di materie prime”. Complessivamente questo sistema viene applicato al mangime di 19 milioni/anno di capi di bestiame (tra bovini, suini e avicoli) e di 2.300 tonnellate di pesce di allevamento, provenienti per oltre il 90% da allevamenti nazionali. Una volta sui banchi, secondo Mazzini, il consumatore non trova differenze di prezzo. Ma davvero tra un filetto che arriva da questa filiera e uno proveniente da quella tradizionale, a parità di qualità, non ci sono ritocchi al prezzo? “Il costo per il consumatore è il medesimo – assicura Mazzini -, negli anni abbiamo da un lato ricercato la massima efficienza in accordo con la filiera produttiva e gli allevatori, ai quali Coop riconosce i maggiori costi pagando una maggiorazione sul prezzo di mercato, dall’altro abbiamo interiorizzato il maggior onere”. Con la crisi il vantaggio di questa scelta è rimasto immutato? “La crisi dei consumi ha toccato ovviamente tutti, anche se i prodotti a marchio Coop hanno performance migliori del mercato”, risponde Mazzini che delinea, rispetto al contesto economico, altri scenari. “Al momento il problema non è legato alla scelta Ogm sì o Ogm no – afferma il responsabile della Sostenibilità di Coop Italia -, ma ad un andamento dei costi delle materie prime sottoposto a speculazioni e pressioni esogene alla sola legge domanda/offerta che ne determina l’attuale volatilità”.

    co.col. 10-11-2014 Tag: ogmagroalimentarefilieraallevamenticarneCoop Italia
Articoli correlati
  • Dal ministero delle Politiche agricole 30 milioni per finanziare i Distretti del cibo

    Trenta milioni di euro per lo sviluppo agroalimentare. Il ministero delle Politiche agricole alimentari e forestali ha lanciato il primo bando nazionale per il finanziamento dei Contratti dei Distretti del cibo e per la rigenerazione agricola del territorio...

    25-02-2020
  • Fao, ancora in aumento i prezzi delle commodities

    Continua la crescita del livello dei prezzi dei beni alimentari nelle rilevazioni della Fao. Quello di gennaio è stato il quarto aumento consecutivo dell’Indice dei Prezzi alimentari, ora a 182,5 punti, +0,7% rispetto al mese precedente e +11,3% su...

    14-02-2020
  • Stati Uniti, in aumento la produzione zootecnica

    Stime positive per la zootecnia statunitense. Secondo il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti il numero di animali in produzione (indicati dall’unità di misura Gcau - Grain-consuming animal units) è stato incrementato di 0,24...

    04-02-2020
  • Cibo e bevande, il 2019 si chiude con fatturato ed export in crescita

    Una lieve flessione nella produzione, un aumento nel fatturato e nei costi di produzione, così come delle vendite al dettaglio e nell’export. Lo comunica Food and Drink Europe nel suo ultimo bollettino riferito al terzo quadrimestre del 2019. E sul...

    29-01-2020
  • Fao, a dicembre prezzi dei beni alimentari al livello più alto da cinque anni

    Terzo mese consecutivo con il segno positivo per l’Indice dei prezzi dei beni alimentari della Fao. Il valore è stato di 181,7 punti, in aumento del 2,5% rispetto a novembre e massimo da dicembre 2014. Tuttavia, con riferimento ai dodici mesi,...

    23-01-2020