• Usa, esportazioni agricole ancora forti ma primato a rischio

    Print

    Prevista una graduale riduzione della quota nel mercato della soia a scapito del Brasile

    Soia

    Un livello record pari a 141,5 miliardi di dollari. A tanto ammonta il livello delle esportazioni agricole previsto per il 2015 per gli Stati Uniti. Le stime arrivano direttamente dal Dipartimento per l'Agricoltura. La seconda migliore performance di sempre inferiore, tuttavia, rispetto al 2014 per la diminuzione del prezzo delle materie prime. 

    La tendenza al ribasso del prezzo delle derrate resterà tale anche per l'anno da poco in corso, colpa di un altro raccolto eccezionale. Il dipartimento ha stimato 3.50 dollari per il mais, 5.10 dollari per il grano e 9 dollari per la soia, che resta una coltura centrale per l'agricoltura statunitense sul mercato mondiale: si stima che le aziende agricole ne esporteranno 48 milioni di tonnellate. 

    Gli Usa saranno i leader nell'export di mais, ma il titolo è a rischio per altre colture. Per la soia il rivale è il Brasile che sorpasserà Washington probabilmente nel 2016/17. Gli economisti, inoltre, si aspettano che la soia a stelle e strisce perderà terreno sui mercati internazionali arrivando a una quota 33% entro il 2024, mentre Il Brasile arriverà invece al 46%. Per il grano invece, dopo la performance del 2013/14 che l'ha posta ai vertici, gli Stati Uniti saranno raggiunti sia dall'Unione europea che dalla Russia.

    Vito Miraglia 24-02-2015 Tag: Usasoiamaisgranodipartimento di agricoltura
Articoli correlati