• Mais e soia, come proteggerli dai parassiti

    Print
    Campi coltivati

    Drenare i terreni e ruotare le colture: ecco le regole-base per prevenire l’infezione dei parassiti. Nella terra umida, infatti, gli agenti patogeni proliferano, mettendo a rischio il raccolto. La soia e il mais sono particolarmente esposte all’attacco di tre parassiti, pythium, phytophtora e rhizoctonia, che oltre a indebolire la pianta, possono attaccare il seme, impedendo all’arbusto di germogliare.

    In particolare, il parassita pythium causa l’avizzimento della pianta e prolifera nei terreni umidi. Invece gli altri due patogeni si trovano, in genere, in terreni più caldi, a una temperatura di 70/80° gradi. Lo phytophtora, dopo aver infettato la pianta, conferisce allo stelo una colorazione marrone che si estende a partire dal terreno. Il parassita rhizoctonia, invece, provoca una lesione di colore bruno-rossastro allo stelo inferiore della pianta, non visibile nella parte che emerge dal terreno.

    Per combatterli, gli esperti consigliano di analizzare regolarmente il terreno per verificare l’eventuale presenza di malattie. In questo modo il coltivatore può valutarne la diffusione e giudicare l'efficacia dei trattamenti antiparassitari. È consigliabile cercare le zone dove la densità di piante è più bassa e dove i vegetali appaiono gracili. Occorre quindi scavare intorno alla pianta per vedere se sotto il terreno lo stelo è stato attaccato o è marcito.

    Può essere utile anche tenere un registro che indichi quali campi sono stati infettati. Al momento della semina saperlo aiuterà a decidere quali varietà piantare. Gli esperti consigliano, poi, di selezionare coltivazioni ad alto rendimento resistenti alle infezioni. Se necessario, si può ricorrere all’impiego di fungicidi per proteggere le sementi.

    Gli esperti suggeriscono, infine, di utilizzare metodi di dissodamento che promuovano un buon drenaggio. I terreni scarsamente drenati aumentano, infatti, il rischio di infezioni. Infine, occorre praticare la rotazione delle colture. Questa pratica blocca la diffusione della malattia e impedisce l’accumulo di parassiti.

     

     

    Nadia Comerci 28-05-2015 Tag: maissoiaSEMENTIparassitifungicidi
Articoli correlati
  • Ismea, stoccaggio punto debole della filiera cerealicola

    I centri di stoccaggio sono inadeguati ai bisogni della filiera cerealicola. Molti sono poco moderni, hanno una capacità oraria di lavorazione ridotta, una sola fossa di ricevimento e linee di carico che limitano lo stoccaggio differenziato per partite...

    07-11-2019
  • Usa, previsti al ribasso prezzi ed export di soia per tensioni su mercati e febbre suina

    Prezzi bassi, acri di piantagioni meno estesi e calo dell’export. Saranno queste le tendenze del mercato della soia negli Stati Uniti se le condizioni odierne dovessero mantenersi nei prossimi anni. Le previsioni sono contenute nel report di Rabobank, una...

    05-11-2019
  • Ucraina, verso il record di produzione cerealicola

    Ottima performance per il settore cerealicolo in Ucraina. È atteso infatti un raccolto record di 71,8 milioni di tonnellate, con maggiori quantità di grano e di orzo, secondo i dati diffusi dal ministero dell’Agricoltura del Paese...

    24-10-2019
  • Stati Uniti, cereali e soia verso la maturazione

    Negli Stati Uniti il mais e la soia stanno procedendo sulla strada della maturazione e in alcuni Stati si è già cominciato il raccolto. Il Dipartimento dell’Agricoltura statunitense ha fatto il punto della situazione, relativa a fine...

    23-10-2019
  • Un fungo nelle stoppie di mais per migliorare l’alimentazione dei bovini

    Residui del raccolto di mais più appetibili e digeribili per il bovino grazie a un fungo. Un supplemento potrebbe migliorare la qualità delle stoppie e fornire, così, un alimento a basso costo e nutriente per gli allevamenti....

    15-10-2019