• Fao: lo spreco alimentare colpisce soprattutto i poveri

    Print
    Sprechi di cibo

    Basterebbe salvare dal macero almeno un quarto del cibo che ogni anno viene sprecato, per nutrire 870 milioni di persone che soffrono la fame. È quanto sostengono gli esperti della Fao (Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura), secondo cui circa un terzo degli alimenti prodotti per il consumo umano vengono persi o buttati via.

    Nello specifico, il cibo che viene annualmente sprecato in America Latina potrebbe sfamare 300 milioni di persone. Quello scartato in Europa potrebbe nutrire 200 milioni di individui. Mentre quello che ogni anno viene perso in Africa, potrebbe saziare 300 milioni di persone.

    A rimetterci sono soprattutto le fasce più deboli della popolazione. La perdita di cibo durante il raccolto e all’interno dei depositi si traduce in perdite economiche per i piccoli agricoltori e nell’aumento dei prezzi per i consumatori. Questo fenomeno colpisce soprattutto le persone più indigenti, che vedono ridotta la loro capacità d’acquisto.

    Nei paesi in via di sviluppo, le perdite alimentari si verificano soprattutto nelle prime fasi della catena alimentare. Derivano, in particolare, da vincoli finanziari, gestionali e tecnici nelle modalità di raccolta e di stoccaggio degli alimenti. Sono dovute, inoltre, al problema di raffreddare adeguatamente i depositi in cui si conserva il cibo. Secondo la Fao, per rafforzare il sistema di produzione alimentare sarebbe opportuno garantire un sostegno diretto agli agricoltori e investire nelle infrastrutture e nei trasporti. Implementare l’intero processo produttivo potrebbe, infatti, ridurre la quantità di scarti alimentari.

    Nei paesi a medio e alto reddito, invece, il cibo viene sprecato soprattutto nelle fasi successive alla produzione. In questo caso, il comportamento dei consumatori gioca un ruolo enorme: i prodotti che hanno un aspetto poco invitante finiscono per essere scartati. Secondo la Fao, per affrontare il problema, sarebbe opportuno sensibilizzare i produttori, i rivenditori e i consumatori su come utilizzare in modo vantaggioso il cibo che viene generalmente scartato, in modo da ridurre la perdita di cibo.

    n.c. 14-09-2015 Tag: faospreco alimentareciboalimentiraccoltastoccaggiovendita
Articoli correlati
  • Ismea, stoccaggio punto debole della filiera cerealicola

    I centri di stoccaggio sono inadeguati ai bisogni della filiera cerealicola. Molti sono poco moderni, hanno una capacità oraria di lavorazione ridotta, una sola fossa di ricevimento e linee di carico che limitano lo stoccaggio differenziato per partite...

    07-11-2019
  • Sicurezza alimentare, l'impegno Fao per il 2030

    L’Obiettivo numero due dell’Agenda 2030 per lo Sviluppo sostenibile richiede di “porre fine alla fame, raggiungere la sicurezza alimentare, migliorare la nutrizione e promuovere un’agricoltura sostenibile”. Uno degli attori titolati...

    06-11-2019
  • Micotossine negli alimenti, diminuisce il numero di non conformità

    Nel 2018 è diminuito il numero di campioni non conformi per la presenza di micotossine negli alimenti. Secondo i dati del Piano nazionale di controllo ufficiale delle micotossine lo scorso anno sono stati rilevati otto campioni non conformi mentre nel...

    02-11-2019
  • Ismea, per operatori del settore cerealicolo contratti di filiera da incentivare

    Il censimento sui centri di stoccaggio di Ismea contiene anche un’indagine qualitativa da cui emerge un quadro articolato del settore cerealicolo italiano. L’industria mantiene salda la leadership mentre le aziende agricole arrancano sotto i colpi...

    01-11-2019
  • Fao e Ifif per la sostenibilità e sicurezza della catena feed&food

    La sostenibilità e la sicurezza del settore mangimistico e della zootecnia e della catena alimentare sono obiettivi condivisi dall’Ifif, la Federazione internazionale dell’Industria mangimistica, e dalla Fao. Le due organizzazioni sono reduci...

    25-10-2019