• Cani, una corretta alimentazione rafforza il sistema immunitario

    Print
    Cane

    L'alimentazione di un cane può influenzarne il sistema immunitario. Ciò significa che una dieta bilanciata, ricca di proteine, acidi grassi essenziali, vitamine e oligoelementi minerali può migliorare le difese immunitarie dell'animale. Un regime alimentare squilibrato, invece, può indebolire il sistema immunitario del cane ed esporlo all'attacco degli agenti esterni. A spiegarcelo è Giacomo Biagi, professore associato presso il Dipartimento di Scienze Mediche Veterinarie dell'Università di Bologna.

    Prof. Biagi, è vero che la maggior parte delle difese immunitarie del cane si concentrano nel suo intestino?
    È vero che una componente del sistema immunitario molto importante è rappresentata dal tessuto linfoide associato all'intestino, ma non sarebbe corretto affermare che le difese immunitarie del cane dipendono principalmente da esso.

    Quali alimenti permettono di proteggere il sistema immunitario di questi animali?
    La dieta può svolgere un importante ruolo sull'efficienza del sistema immunitario, sia in senso negativo che positivo. Ad esempio, l'insufficiente assunzione di cibo o, in maniera più specifica, l’assunzione di una dieta carente di proteine, acidi grassi essenziali, alcune vitamine o alcuni oligoelementi minerali, può ridurre significativamente le difese immunitarie di un cane. Viceversa, esistono evidenze scientifiche del fatto che alcuni particolari nutrienti possano migliorare le difese immunitarie di un individuo e tra questi, per i quali si impiega talvolta il termine di nutraceutici, possiamo ricordare lo zinco, la vitamine E e il selenio, nonché altri principi ad azione antiossidante. Inoltre, è risaputo che l’assunzione con la dieta di microrganismi probiotici può stimolare e migliorare la risposta del sistema immunitario nei confronti di diversi agenti eziologici, e non solo a livello intestinale.

    È vero che aggiungere lo yogurt bianco alle crocchette contribuisce al buon funzionamento della flora intestinale?
    Lo yogurt è un alimento dalle notevoli proprietà nutrizionali in quanto, come tutti i prodotti a base di latte fermentato, è una fonte di batteri lattici, i quali, come si è appena ricordato, possono svolgere un ruolo di tipo probiotico, migliorando il benessere intestinale del cane. Tra le altre cose, lo yogurt contiene anche una certa quantità di lattosio che i batteri lattici utilizzeranno in intestino come fonte preferenziale di energia: in pratica, lo yogurt rappresenta un simbiotico naturale, ovvero un prodotto che apporta sia batteri probiotici che zuccheri ad azione prebiotica, capaci di stimolarne il metabolismo. È però evidente che lo yogurt dev'essere aggiunto fresco alle crocchette (ma potrebbe essere anche consumato a parte), affinché i batteri in esso presenti possano esplicare i propri effetti benefici; la cottura, invece, li inattiverebbe.

    Alcune persone sono convinte che se il pelo ha un odore "forte" il cane potrebbe avere difficoltà digestive. Si tratta di una leggenda o quest'idea possiede basi scientifiche?
    In genere, affermazioni di questo tipo non hanno alcun riscontro scientifico e fanno parte dei miti che si tramandano i proprietari di cani. Ci sono certamente patologie cutanee che riconoscono una base alimentare e che possono eventualmente essere caratterizzate da cattivo odore di cute e mantello; non si tratta però di difficoltà digestive, bensì, il più delle volte, della carenza di nutrienti importanti per il benessere della cute o di intolleranze a determinati alimenti.

    Nadia Comerci 17-11-2015 Tag: canianimali domesticisistema immunitarioalimentazione animalemangimi
Articoli correlati