• A ottobre frena l'aumento delle quotazioni dei prodotti agricoli

    Print
    Mercato frutta verdura

    Stop all'aumento dei prezzi dei prodotti agricoli in ottobre. Dopo il rialzo dei due mesi precedenti, l'Indice dei prezzi agricoli all'origine calcolato da Ismea (Istituto di servizi per il mercato agricolo alimentare) si ferma a 119 (2010=100) circa il 2,4% in meno rispetto a settembre. Resta, tuttavia, positivo il confronto rispetto al mese di ottobre 2014, che registra una crescita annua di 5,3%.

    L'Indice “core” elaborato dall'Istituto - che esclude dal calcolo i prodotti ortofrutticoli, che rappresentano le componenti meno stabili del mercato – ha raggiunto quota 114,9 (2010=100), circa lo 0,7% in meno rispetto a settembre. Il confronto su base annua segnala un livello dei prezzi invariato rispetto al mese di ottobre 2014 (+0,1%).

    Il comparto zootecnico registra un lieve adeguamento al rialzo dei listini, pari allo 0,3%. Il valore è il risultato degli avanzamenti dei prodotti lattiero-caseari (+0,3%) e del bestiame vivo (+0,4%), bilanciati da una tenue flessione delle uova (-0,1%).

    Il settore vegetale presenta una riduzione del 5,2% rispetto al mese precedente. Dopo i rincari rilevati a settembre, calano i prezzi degli ortaggi (-15,3%). Continuano a scendere le quotazioni dei cereali (-2%) e, in maniera più marcata, quelle degli oli d'oliva (-9,2%), influenzati dalle previsioni di una produzione in crescita. Crescono, invece, i prezzi di frutta (+9,5%), semi di soia (+3,7%) e vini. Questi ultimi, in particolare, con una crescita dell'1,7%, registrano l'incremento più consistente degli ultimi tre anni.

    Su base annua, la crescita del 5,3% è il risultato dell'apprezzamento delle coltivazioni (+11,3% rispetto a ottobre 2014) e dell'ulteriore cedimento dei prodotti zootecnici (-0,4%). Nel primo comparto, mantengono una dinamica inflativa gli oli di oliva (+26,7%), gli ortaggi (+46,1%) e i semi di soia (+3,8%). Invertono la tendenza, invece, frutta e cereali (rispettivamente -1,3% e -0,3%). Vini e colture industriali proseguono in negativo (-2,7 e -9,8%). In ambito zootecnico, all'aumento del 5,5% del bestiame vivo si contrappone una flessione di analoga entità dei prodotti lattiero-caseari (-5,3%).

    red. 23-11-2015 Tag: prezzi agricoliIsmeacerealicarnezootecniaprodotti lattiero-caseari
Articoli correlati
  • Assalzoo, l’industria mangimistica protagonista su Rai Parlamento

    Assalzoo (Associazione Nazionale tra i Produttori di Alimenti Zootecnici) e l’industria mangimistica protagoniste dell’informazione Rai.Nella puntata del 20 novembre di Rai Parlamento, all’interno della rubrica  “Spazio...

    20-11-2019
  • Stati Uniti, diminuiscono rendimento e produzione del mais

    Numeri negativi per la produzione di mais e di soia, sebbene a un grado inferiore, negli Stati Uniti. Un andamento simile è previsto per queste due commodities anche a livello globale. Il Dipartimento per l’Agricoltura degli Usa ha fornito i nuovi...

    19-11-2019
  • Carnipedìa, il mondo della carne dalla A alla Z

    Il mondo della carne condensato in un volume di agile lettura, “Carnipedìa. Appunti per una piccola enciclopedia della carne”. Il suo autore è Giuseppe Pulina, professore ordinario di Zootecnia speciale all’Università di...

    16-11-2019
  • Carni bovine, nel primo semestre diminuisce l’offerta ma aumenta la spesa

    Giù l’offerta della carne bovina, in Italia così come nell’Unione europea, con un conseguente aumento dei capi importati, e domanda domestica in lieve aumento. Sono alcune dei dati relativi alle dinamiche nel compato carne nel primo...

    13-11-2019
  • Antibiotico-resistenza: il difficile cammino verso il “One Health”

    Sono ormai molti anni che il tema della resistenza batterica occupa uno spazio rilevante nella stampa scientifica e non. Le previsioni in termini sanitari e sociali sono ancora volte al pessimismo e, nonostante la macchina per contrastare questo fenomeno si sia...

    11-11-2019