• Per il quarto anno consecutivo, prezzi materie prime alimentari in ribasso

    Print

    Colpa dell'apprezzamento del dollaro e di forniture più abbondanti rispetto alla domanda globale

    Mais corn cereali   gina sanders   fotolia.com

    I prezzi delle principali materie prime alimentari sono diminuiti anche nel 2015. È il quarto anno consecutivo che succede. A riferirlo è l'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura (Fao), secondo cui nel 2015 i prezzi sono diminuiti, in media, del 19,1% rispetto all'anno precedente.

    In particolare, l'Indice dei prezzi alimentari Fao ha registrato, nel corso del 2015, una media di 164,1 punti e ha chiuso l'anno con valori ancora più bassi: a dicembre ha raggiunto i 154,1 punti. L'ultimo mese dell'anno è sceso dell'1% rispetto al valore di novembre. La riduzione dei prezzi della carne, dei prodotti lattiero-caseari e dei cereali ha, infatti, più che compensato i guadagni registrati dallo zucchero e dagli oli vegetali. Secondo gli esperti Fao, le cause principali di questa situazione vanno ricercate nell'apprezzamento del dollaro e nelle forniture abbondanti rispetto a una domanda mondiale piuttosto debole.

    A dicembre, l'Indice Fao dei prezzi dei cereali è sceso dell'1,3% rispetto al valore registrato a novembre. I motivi sono due. Il primo consiste nella crescente concorrenza delle esportazioni tra i produttori di mais. Il secondo è dovuto alle aspettative di maggiori forniture di grano sui mercati mondiali, dopo la rimozione delle tasse di esportazione da parte dell'Argentina. Il sotto-indice, che comprende anche il riso, nel corso del 2015 è sceso in media del 15,4% rispetto allo scorso anno.

    Sempre nel mese di dicembre, l'Indice dei prezzi lattiero-caseari è diminuito dell'1%. Nel corso dell'anno si è attestato sul 28,5%, un valore inferiore al livello medio del 2014. Si tratta del calo più forte, rispetto alle altre derrate.

    L'Indice dei prezzi della carne è diminuito del 2,2% rispetto a novembre, spinto dalla brusca crescita dell'offerta di maiale in Europa e dalla riduzione della domanda statunitense di carni bovine importate. Nel corso dell'anno, la carne è stata, in media, il 15,1% meno costosa rispetto al 2014.

    L'Indice dei prezzi degli oli vegetali è salito, a dicembre, del 2,1%. Secondo la Fao, è stato spinto verso l'alto dalle incertezze riguardanti il raccolto di soia in Brasile. Tuttavia, nel 2015 è stato complessivamente più basso del 19% rispetto all'anno precedente.

    L'indice dei prezzi dello zucchero, infine, è aumentato dello 0,6% nel mese di dicembre. Ma nel 2015 è stato inferiore del 21% rispetto al 2014.

    Foto: © Gina Sanders - Fotolia

    red. 12-01-2016 Tag: faoIndice prezzi Faomaterie prime alimentaricarnecerealiprodotti lattiero-casearioli vegetalizucchero
Articoli correlati
  • Ismea, stoccaggio punto debole della filiera cerealicola

    I centri di stoccaggio sono inadeguati ai bisogni della filiera cerealicola. Molti sono poco moderni, hanno una capacità oraria di lavorazione ridotta, una sola fossa di ricevimento e linee di carico che limitano lo stoccaggio differenziato per partite...

    07-11-2019
  • Sicurezza alimentare, l'impegno Fao per il 2030

    L’Obiettivo numero due dell’Agenda 2030 per lo Sviluppo sostenibile richiede di “porre fine alla fame, raggiungere la sicurezza alimentare, migliorare la nutrizione e promuovere un’agricoltura sostenibile”. Uno degli attori titolati...

    06-11-2019
  • Micotossine negli alimenti, diminuisce il numero di non conformità

    Nel 2018 è diminuito il numero di campioni non conformi per la presenza di micotossine negli alimenti. Secondo i dati del Piano nazionale di controllo ufficiale delle micotossine lo scorso anno sono stati rilevati otto campioni non conformi mentre nel...

    02-11-2019
  • Ismea, per operatori del settore cerealicolo contratti di filiera da incentivare

    Il censimento sui centri di stoccaggio di Ismea contiene anche un’indagine qualitativa da cui emerge un quadro articolato del settore cerealicolo italiano. L’industria mantiene salda la leadership mentre le aziende agricole arrancano sotto i colpi...

    01-11-2019
  • Fao e Ifif per la sostenibilità e sicurezza della catena feed&food

    La sostenibilità e la sicurezza del settore mangimistico e della zootecnia e della catena alimentare sono obiettivi condivisi dall’Ifif, la Federazione internazionale dell’Industria mangimistica, e dalla Fao. Le due organizzazioni sono reduci...

    25-10-2019