• Efsa: semplificate le indicazioni per apporre health claims sui prodotti alimentari

    Print
    Alimenti %c2%a9 giuseppe porzani   fotolia

    Chiarite le procedure da compiere per apporre, sulle confezioni degli alimenti, le indicazioni relative agli effetti benefici per la salute. L'Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa) ha, infatti, aggiornato i documenti che spiegano le modalità di presentazione delle richieste di approvazione degli health claims, le informazioni sanitarie da mettere sui prodotti alimentari.

    Il Gruppo di esperti scientifici sui prodotti dietetici, l'alimentazione e le allergie dell’Efsa ha semplificato i contenuti del “Documento-guida generale” e della “Guida specifica alle indicazioni per il sistema immunitario e il tratto gastro-intestinale”. I nuovi testi adesso includono anche:
    - la spiegazione dettagliata di ogni fase del processo di valutazione (caratterizzazione del cibo o ingrediente, caratterizzazione degli effetti attribuiti, individuazione di pertinenti studi sull'uomo), illustrati con esempi concreti tratti dalle valutazioni precedenti;
    - la differenziazione esplicita tra i principi applicati alle valutazione delle indicazioni sulla salute in base all’essenzialità delle sostanze nutritive, e quelli previsti per altre indicazioni;
    - esempi di richieste valutate con esito favorevole, allo scopo di suggerire il numero, il tipo e la qualità degli studi che possono essere necessari per dimostrare la fondatezza di un’indicazione;
    - esempi di richieste valutate con esito sfavorevole, per illustrare il tipo di mancanze che possono impedire il riconoscimento della fondatezza di certe indicazioni;
    - raccomandazioni sui principali passaggi e aspetti scientifici di cui il richiedente dovrebbe tenere conto durante la preparazione di un fascicolo di richiesta.

    “I documenti contenenti le linee guida aggiornate consentiranno ai richiedenti di comprendere meglio l'approccio per fasi seguito dai nostri esperti di nutrizione e li aiuteranno a decidere quale tipo di indicazioni presentare con i dati a loro disposizione – spiega Valeriu Curtui, responsabile dell’Unità “Nutrizione” dell’Efsa -. Ricevere richieste di valutazione di miglior qualità vorrà dire raggiungere un processo di valutazione più efficiente, che andrà a vantaggio dei richiedenti, dei consumatori e dell'Efsa stessa”.

     

    Foto: © Giuseppe Porzani - Fotolia

    redazione 11-02-2016 Tag: EFSAalimentisalutesistema immunitarioapparato gastro-intestinale
Articoli correlati
  • Incidenti alimentari, come le affrontano l’Unione europea e l’Efsa

    La tutela della sicurezza di alimenti è mangimi è una materia di cui si occupano non solo i singoli Paesi ma anche le autorità sovranazionali, ovvero l’Unione europea e l’Efsa. La Commissione europea in particolare coordina il...

    16-01-2020
  • Salmonella, il focolaio di rischio alimentare più comune in Europa

    Su tre focolai di infezioni di origine animale nell’Unione europea poco meno di uno è causato dalla Salmonella. L’agente batterico è dunque la causa più comune di infezioni da cibi e bevande contaminate. Per numero di casi...

    31-12-2019
  • Acquacoltura, Assalzoo: mangime italiano all’avanguardia

    A seguito delle recenti trasmissioni televisive che hanno avuto per oggetto il settore dell’acquacoltura, Assalzoo (Associazione nazionale tra i Produttori di Alimenti Zootecnici) evidenzia che, al di là dei continui richiami mediatici tesi a...

    19-12-2019
  • Benessere del pollame, parere scientifico Efsa

    Con due pareri scientifici l’Efsa, l’Autorità europea per la Sicurezza alimentare, è intervenuta sul tema del benessere del pollame nella macellazione. Un parere fa riferimento alla produzione alimentare, l’altro al decesso degli...

    27-11-2019
  • Peste suina africana, Efsa: Paesi balcanici a rischio contagio

    Il rischio che la peste suina africana possa diffondersi nei Balcani è molto elevata. Le probabilità del contagio da qui a un anno, dai Paesi già interessati dalla malattia zootecnica, sono comprese tra il 66% e il 100%. Invece il rischio di...

    19-11-2019