• Acquacoltura: in 20 anni produzione triplicata

    Print

    Rappresenta il settore alimentare che cresce più rapidamente

    Pesci

    Negli ultimi 20 anni la produzione dell'acquacoltura è più che triplicata. Ha raggiunto i 78 milioni di tonnellate, attestandosi come il settore alimentare in più rapida crescita. A comunicarlo è la Fao (Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura), secondo cui la dinamicità del comparto è dovuta al fatto che la produzione di pesce d'allevamento è molto meno legata all'andamento delle stagioni e risulta più costante rispetto alla pesca in mare aperto.

    Proprio grazie alla sua prevedibilità e alla capacità di offrire prodotti standardizzati, l'acquacoltura garantisce forniture più ingenti e a lungo termine. Inoltre, una gestione efficiente permette di minimizzare gli sprechi, migliorare la salubrità dei prodotti e investire negli impianti di stoccaggio refrigerati. Tutti questi fattori consentono ai supermercati di assicurare la presenza di prodotti ittici durante tutto l'anno.

    La Fao evidenzia che la maggior parte degli allevamenti di pesce si trova in Asia. Ma i tassi di crescita più elevati dell'acquacoltura si riscontrano in Africa e in sud e centro America. Recentemente il mercato sta subendo delle modifiche: ci sono meno operatori, ma di dimensioni più grandi, che stanno trasformando la struttura dell'industria. Questo processo risulta piuttosto avanzato nei mercati di gamberetti, tilapie, salmone atlantico, spigole e orate.

    L'Organizzazione sottolinea che sta cambiando anche il consumo di pesce. Per esempio, per la prima volta gli Stati Uniti hanno importato più tonno fresco del Giappone. Inoltre, cresce la domanda da parte dei paesi in via di sviluppo, che stanno anche rafforzando la produzione interna. Dal 2013 il salmone e la trota hanno superato i gamberetti come beni più commercializzati in termini di valore. Nel 2014 il Vietnam ha superato la Tailandia, diventano il terzo maggior esportatore di prodotti ittici, grazie alla rapida internazionalizzazione del commercio del pangasio. Infine, il commercio di polipi è cresciuto molto negli ultimi anni, mentre le vendite dei calamari sono apparse fiacche.

    redazione 08-03-2016 Tag: acquacolturapescepescafaoprodotti ittici
Articoli correlati
  • Fao, l’innovazione strumento essenziale contro cambiamento climatico

    Uno strumento su cui l’agricoltura può puntare per far fronte al cambiamento climatico è l’innovazione. Dai droni ai sistemi di allerta rapidi via smartphone alle nuove pratiche agricole smart sono molte le risorse da cui ricavare un...

    09-01-2020
  • Materie prime, a novembre su i prezzi. Raccolto di cereali previsto in aumento

    Con la sola eccezione dei cereali, a novembre sono saliti tutti i prezzi delle materie prime. L’incremento è stato notevole per la carne e l’olio vegetale e ha spinto al rialzo l’indice generale  che registra le variazioni mensili...

    30-12-2019
  • Acquacoltura, Assalzoo: mangime italiano all’avanguardia

    A seguito delle recenti trasmissioni televisive che hanno avuto per oggetto il settore dell’acquacoltura, Assalzoo (Associazione nazionale tra i Produttori di Alimenti Zootecnici) evidenzia che, al di là dei continui richiami mediatici tesi a...

    19-12-2019
  • Fao, le proposte per una pesca più sostenibile

    Garantire l’approvvigionamento di pesce a una popolazione in crescita senza compromettere le risorse naturali. Investimenti, crescita e tutela di mare e oceani, laghi e fiumi sono i perni su cui poggia il piano per una pesca sostenibile. “La terra da...

    11-12-2019
  • Global Soil Partnership, la Fao in campo contro il degrado del suolo

    Proteggere, ripristinare e favorire un uso sostenibile dell’ecosistema terrestre. Al punto 15 degli obiettivi di sviluppo sostenibile si parla di tutela delle risorse naturali tra le quali il suolo riveste una posizione di primaria importanza. Ad esempio...

    05-12-2019