• A febbraio stabili i prezzi delle materie prime alimentari

    Print

    Brusca impennata del prezzo dell’olio di palma

    Agricoltura cereali %c2%a9 jpchret   fotolia.com

    A febbraio il calo dei prezzi dello zucchero e dei prodotti lattiero-caseari è stato compensato dal brusco aumento delle quotazioni degli oli vegetali. Di conseguenza, l'Indice dei prezzi alimentari elaborato dalla Fao (Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura) è rimasto stabile: con una media di 150,2 punti, si è differenziato soltanto di 0,2 punti rispetto al mese precedente (150,0 punti). È invece diminuito del 14,5% rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso.

    La Fao ha rilevato una forte crescita del prezzo degli oli vegetali, che è salito dell'8% rispetto a gennaio. In particolare, sono aumentate del 13% le quotazioni dell'olio di palma, a causa del calo delle scorte e delle stime negative sulla futura produzione. I prezzi dell'olio di soia, invece, sono rimasti stabili.

    L'Indice Fao del prezzo dello zucchero è sceso del 6,2% rispetto a gennaio. Il calo è dovuto alle abbondanti scorte globali e alle migliori condizioni delle coltivazioni in Brasile, che rappresenta il più grande produttore ed esportatore al mondo.

    A febbraio l'indice Fao del prezzo dei prodotti lattiero-caseari è sceso del 2,1% rispetto al mese precedente, per un rallentamento delle importazioni, soprattutto dalla Cina.

    L'Indice Fao dei prezzi dei cereali è rimasto tendenzialmente stabile: è sceso solo di mezzo punto percentuale rispetto al mese precedente. Risulta, tuttavia, più basso del 13,7% rispetto all'anno scorso. I prezzi del grano sono scesi dell'1,5%, quelli del mais sono diminuiti solo lievemente, mentre il prezzo del riso ha registrato un incremento significativo.

    Leggermente aumentato l'Indice Fao del prezzo della carne, trainato dai vincoli di approvvigionamento per le carni bovine da Australia e Stati Uniti e dal supporto dato all'ammasso privato delle carni suine nell'Unione Europea. Sono scesi, invece, i prezzi del pollame, a causa dei minori costi dei mangimi.

    Foto: © JPchret - Fotolia.com

    red. 04-03-2016 Tag: Indice prezzi Faomaterie primecarnecerealiprodotti lattiero-caseari
Articoli correlati
  • Ismea, stoccaggio punto debole della filiera cerealicola

    I centri di stoccaggio sono inadeguati ai bisogni della filiera cerealicola. Molti sono poco moderni, hanno una capacità oraria di lavorazione ridotta, una sola fossa di ricevimento e linee di carico che limitano lo stoccaggio differenziato per partite...

    07-11-2019
  • Micotossine negli alimenti, diminuisce il numero di non conformità

    Nel 2018 è diminuito il numero di campioni non conformi per la presenza di micotossine negli alimenti. Secondo i dati del Piano nazionale di controllo ufficiale delle micotossine lo scorso anno sono stati rilevati otto campioni non conformi mentre nel...

    02-11-2019
  • Ismea, per operatori del settore cerealicolo contratti di filiera da incentivare

    Il censimento sui centri di stoccaggio di Ismea contiene anche un’indagine qualitativa da cui emerge un quadro articolato del settore cerealicolo italiano. L’industria mantiene salda la leadership mentre le aziende agricole arrancano sotto i colpi...

    01-11-2019
  • Agroalimentare, cresce l’export nel primo semestre

    Buona performance dell’industria alimentare sui mercati esteri, il traino dell’export agroalimentare italiano. Nel primo semestre del 2019 il comparto ha fatto registrare un aumento di quasi il 7% rispetto allo stesso periodo del 2018, con quasi 18...

    24-10-2019
  • Ucraina, verso il record di produzione cerealicola

    Ottima performance per il settore cerealicolo in Ucraina. È atteso infatti un raccolto record di 71,8 milioni di tonnellate, con maggiori quantità di grano e di orzo, secondo i dati diffusi dal ministero dell’Agricoltura del Paese...

    24-10-2019