• Usa: in aumento i terreni coltivati con il mais

    Print

    In calo, invece, quelli destinati alla semina della soia

    Mais

    Nel 2016 I terreni statunitensi dedicati alla coltivazione del mais dovrebbero raggiungere i 93,6 milioni, circa il 6% in più rispetto allo scorso anno. Si tratta del primo aumento della superficie destinata alla semina del cereale dal 2012 e del terzo, in ordine di grandezza, a partire dal 1944. È quanto emerge dal rapporto “Prospective Plantings” pubblicato dal National agricultural statistics service (Nass) del Dipartimento dell’Agricoltura degli Usa. Il documento fornisce le prime stime ufficiali delle “intenzioni di semina” degli agricoltori statunitensi per il 2016, basate su indagini condotte durante le prime due settimane di marzo su un campione di oltre 84 mila operatori agricoli di tutto il paese.

    Le previsioni del Nass superano le precedenti stime effettuate dagli analisti, secondo cui il mais sarebbe stato coltivato su una superficie di circa 90 milioni di acri. L’attesa di rendimenti più alti nel 2016 rispetto ad altre colture, infatti, avrebbe spinto i coltivatori del cereale di 41 stati su 48 a mantenere o ad aumentare il numero degli acri dedicati alla semina del mais. In particolare, gli agricoltori di Illinois, Iowa, Kansas e Nord Dakota hanno annunciato di voler aumentare la superficie coltivata con il mais di 400 mila acri.

    Al contrario, dopo la crescita registrata negli ultimi anni, i terreni destinati alla coltivazione della soia dovrebbero diminuire. Nel 2016, i produttori prevedono di piantare con il legume 82,2 milioni di acri, circa l'1% in meno rispetto allo scorso anno. I coltivatori di 23 stati su 31 prevedono di mantenere inalterata o di diminuire la superficie seminata con la soia. In particolare quelli di Louisiana, Minnesota e Mississippi hanno annunciato di voler ridurre l’estensione dei terreni coltivati con la pianta di circa 200.000 acri.

    n.c. 07-04-2016 Tag: maissoiacerealiCOLTUREUsasemina
Articoli correlati
  • Cereali, per Coceral produzione 2020 in calo

    Nelle sue prime previsioni per il 2020 il Coceral, l’Associazione europea del Commercio dei cereali e semi oleosi, ha stimato un calo del 2% nella produzione di cereali. Dai 308,9 milioni di tonnellate del 2019, nell'Ue a 27 Stati più il Regno...

    26-03-2020
  • Una mappa genetica per il mais

    Gli effetti del cambiamento climatico potrebbero mettere a dura prova il mais degli Stati Uniti, uno dei maggiori produttori al mondo. Diversi ricercatori sono impegnati a cercare delle soluzioni in ambito genetico per mettere a punto delle colture più...

    24-03-2020
  • Osservatorio territoriale qualità cereali: mais, frumento tenero, duro e orzo

    La filiera cerealicola costituisce uno dei settori più consistenti dell’economia agricola ed agroalimentare italiana. Ciononostante, negli ultimi dieci anni si è assistito a una forte riduzione della produzione nazionale, soprattutto in...

    19-03-2020
  • Nuovo record per export agroalimentare nel 2019, ma produzione agricola in calo

    Tra clima avverso e congiuntura sfavorevole il settore primario italiano ha fatto registrare un 2019 in chiaroscuro. La produzione e il valore aggiunto sono diminuiti, con il coinvolgimento di quasi tutti i settori, mentre l’export agroalimentare è...

    12-03-2020
  • Fao: prodotti alimentari, prezzi in calo anche per la diffusione del coronavirus

    Dopo una striscia positiva di quattro mesi, a febbraio l’Indice dei prezzi dei prodotti alimentari della Fao è diminuito dell’1%. Un ribasso causato anche dai timori legati alle conseguenze dell’epidemia da nuovo coronavirus. In...

    07-03-2020