• Commodities alimentari, in maggio prezzi in aumento

    Print

    Cresce il valore dell’Indice Fao, ma resta inferiore a quello del 2015

    Cereali mangimi silos %c2%a9 gina sanders   fotolia.com

    Registrato a maggio un aumento dei prezzi delle materie prime alimentari, che tuttavia restano inferiori a quelli dello scorso anno. Lo comunica l'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura (Fao), annunciando che l'Indice aggiornato dei prezzi alimentari è cresciuto per il quarto mese consecutivo. A maggio, infatti, ha raggiunto 155,8 punti, riportando un aumento del 2,1% rispetto ad aprile. Ma resta inferiore del 7% rispetto al valore di maggio 2015.

    L'Indice Fao monitorizza i prezzi di cinque principali gruppi di materie prime alimentari sui mercati internazionali: cereali, oli vegetali, prodotti lattiero-caseari, carne e zucchero. A maggio le quotazioni sono aumentate in tutti i settori tranne in quello degli oli vegetali, che sono diminuiti dopo il forte rialzo registrato nel mese di aprile.

    A guidare l'incremento dell'Indice Fao è stato il prezzo dello zucchero, cresciuto dell'11,7% rispetto ad aprile. L’incremento è dovuto al calo delle prospettive di produzione in India (il secondo produttore di zucchero a livello mondiale), che ha bilanciato il raccolto eccezionale e le grandi disponibilità per l'esportazione del Brasile (il principale produttore).

    L'indice dei prezzi dei cereali è salito dell'1,6% rispetto al mese scorso, trainato dall’aumento dei prezzi del mais e dal rafforzamento delle quotazioni dell'Indica e di altre varietà di riso aromatico.

    L'Indice dei prezzi della carne è salito del 2%, grazie alla domanda di carni suine europee proveniente dall’Asia. Anche l'Indice dei prezzi dei prodotti lattiero-caseari ha guadagnato uno 0,4%, ma resta inferiore del 24% rispetto al livello di un anno fa. L’aumento riportato a maggio è dovuto alla crescita della richiesta internazionale di latte intero in polvere e burro.

    L'Indice dei prezzi degli oli vegetali è invece sceso dell'1,8%, a causa del ristagno dei prezzi dell'olio di palma dopo tre mesi di forti guadagni. La domanda d'importazioni è stata, infatti, più debole del previsto in Cina, India e Unione Europea.

    Foto: © Gina Sanders - Fotolia.com

    n.c. 21-06-2016 Tag: Indice prezzi Faocarnecerealimaterie primeprodotti lattiero-caseari
Articoli correlati
  • Ismea, stoccaggio punto debole della filiera cerealicola

    I centri di stoccaggio sono inadeguati ai bisogni della filiera cerealicola. Molti sono poco moderni, hanno una capacità oraria di lavorazione ridotta, una sola fossa di ricevimento e linee di carico che limitano lo stoccaggio differenziato per partite...

    07-11-2019
  • Micotossine negli alimenti, diminuisce il numero di non conformità

    Nel 2018 è diminuito il numero di campioni non conformi per la presenza di micotossine negli alimenti. Secondo i dati del Piano nazionale di controllo ufficiale delle micotossine lo scorso anno sono stati rilevati otto campioni non conformi mentre nel...

    02-11-2019
  • Ismea, per operatori del settore cerealicolo contratti di filiera da incentivare

    Il censimento sui centri di stoccaggio di Ismea contiene anche un’indagine qualitativa da cui emerge un quadro articolato del settore cerealicolo italiano. L’industria mantiene salda la leadership mentre le aziende agricole arrancano sotto i colpi...

    01-11-2019
  • Agroalimentare, cresce l’export nel primo semestre

    Buona performance dell’industria alimentare sui mercati esteri, il traino dell’export agroalimentare italiano. Nel primo semestre del 2019 il comparto ha fatto registrare un aumento di quasi il 7% rispetto allo stesso periodo del 2018, con quasi 18...

    24-10-2019
  • Ucraina, verso il record di produzione cerealicola

    Ottima performance per il settore cerealicolo in Ucraina. È atteso infatti un raccolto record di 71,8 milioni di tonnellate, con maggiori quantità di grano e di orzo, secondo i dati diffusi dal ministero dell’Agricoltura del Paese...

    24-10-2019