• Stagione 2016/17, avviata semina di soia brasiliana e mais argentino

    Print
    Soia1

    È partita la semina di soia in Brasile e quella di mais in Argentina per la stagione 2016/17. È quanto emerge da un articolo pubblicato sul sito web Agronews, secondo cui nel territorio brasiliano è stato già piantato il 2% dei semi del legume, l’1% in più rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.

    La semina ha avuto inizio nello stato del Mato Grosso, il più grande produttore di soia del Brasile, nonostante la carenza di piogge nell’ultima settimana abbia indotto alcuni coltivatori ad attendere che il terreno sia più umido prima di seminare il legume. Il Mato Grosso Institute of Agricultural Economics (Imea) ha riferito che nel territorio è stato piantato l'1,2% dei semi di soia, mentre nello stesso periodo dell'anno scorso la percentuale si fermava allo 0,5%. Nel 2015, infatti, le condizioni meteorologiche aride avevano costretto a rinviare la semina del legume.

    Il Department of Rural Economics (Deral) dello stato del Paranà, il secondo produttore brasiliano di soia, ha annunciato che lì è stato piantato il 3% dei semi di soia. Tuttavia, anche in questa regione molti agricoltori attendono l’arrivo delle piogge prima di procedere alla coltivazione. Infine, secondo le stime, anche nello stato del Mato Grosso do Sul è stato seminato il 3% della produzione di soia prevista per la stagione 2016/17.

    La scarsità di pioggia è stata invece accolta con favore in Argentina dagli agricoltori di mais, che hanno iniziato la semina del cereale per il raccolto 2016/17. Il Buenos Aires Grain Exchange ha riferito che alla fine della scorsa settimana era già stato piantato il 15% del mais previsto per questa stagione. Lo stesso periodo dell’anno scorso, invece, la percentuale si era attestata al 7%. La maggior parte delle attività di semina è stata avviata nelle regioni centrali e orientali, in particolare a Santa Fe e a Entre Rios, anche se le prime coltivazioni sono state effettuate a nord, dove le piantine di mais hanno già iniziato a germogliare. Secondo le stime, il raccolto di mais argentino per la stagione 2016/17 dovrebbe essere “buono”.

    red. 13-10-2016 Tag: maissoiacoltivazioniseminabrasileArgentina
Articoli correlati
  • Cereali, per Coceral produzione 2020 in calo

    Nelle sue prime previsioni per il 2020 il Coceral, l’Associazione europea del Commercio dei cereali e semi oleosi, ha stimato un calo del 2% nella produzione di cereali. Dai 308,9 milioni di tonnellate del 2019, nell'Ue a 27 Stati più il Regno...

    26-03-2020
  • Una mappa genetica per il mais

    Gli effetti del cambiamento climatico potrebbero mettere a dura prova il mais degli Stati Uniti, uno dei maggiori produttori al mondo. Diversi ricercatori sono impegnati a cercare delle soluzioni in ambito genetico per mettere a punto delle colture più...

    24-03-2020
  • Osservatorio territoriale qualità cereali: mais, frumento tenero, duro e orzo

    La filiera cerealicola costituisce uno dei settori più consistenti dell’economia agricola ed agroalimentare italiana. Ciononostante, negli ultimi dieci anni si è assistito a una forte riduzione della produzione nazionale, soprattutto in...

    19-03-2020
  • Le prove varietali 2019 confermano buoni risultati per l’orzo zootecnico

    La rete delle prove varietali per l’orzo zootecnico, coordinata dal Centro di ricerca Genomica e Bioinformatica (CREA-GB) di Fiorenzuola D’Arda, fornisce una valutazione annuale del panorama varietale italiano per tale specie. Essa è il solo...

    28-02-2020
  • Giornata del Mais 2020: tra storia e innovazione

    La Giornata del Mais, che si è tenuta a Bergamo il 24 gennaio, si è focalizzata su due importanti aspetti: storia ed innovazione. L’anno 2020 segna infatti una data importante per la sede di Bergamo del CREA: festeggia i 100 anni della...

    06-02-2020