• I prezzi dei prodotti agricoli e delle materie prime per l’alimentazione animale nel 2016

    Print
    Mercato frutta verdura

    L’economia italiana, secondo Istat, ha chiuso il 2016 in deflazione, nonostante l’inflazione di fondo, calcolata al netto degli alimentari freschi e dei prodotti energetici, sia rimasta invece positiva (+0,5%), pur registrando un lieve decremento rispetto allo 0,7% del 2015. Il bilancio conclusivo mostra un calo del livello generale dei prezzi, che si combina con una dinamica di recessione generale. La ripresa dell’inflazione a dicembre 2016 è dovuta principalmente alle accelerazioni della crescita dei prezzi dei servizi relativi ai trasporti (+2,6%, da +0,9% di novembre), degli energetici non regolamentati (+2,4%) e degli alimentari non lavorati (+1,8%), mentre i prezzi al consumo in media sono scesi dello 0,1%, al di sotto della media dell’Eurozona.

    In tale contesto, secondo Ismea, l’indice generale dei prezzi alla produzione dei prodotti agricoli ha registrato un calo del 5,2% (indice 109,67), con flessioni del 6,7% per il totale delle produzioni vegetali (indice 116,46) e del 3,1% per quelle zootecniche (indice 103,02). Nel comparto "coltivazioni" quasi tutti i prodotti considerati subiscono flessioni più o meno significative con oscillazioni dei corrispondenti indici tra -18,4% dell'olio d'oliva (indice 158,65) e -2,1% per il vino (indice 137,36), con uniche eccezioni per semi oleosi (indice 103,01, pari a +0,5%) e tabacchi (indice 177,30, pari a +9,6%). Flessioni generalizzate, invece, per le produzioni zootecniche, con oscillazioni tra il -19,2% per le uova (indice 87,26) e -1,0% per i bovini da macello (indice 110,35), con la sola eccezione per i suini, il cui indice salendo a 118,11 si attribuisce un incremento del 6,8% rispetto al 2015. Da evidenziare, tra le produzioni del comparto bovino, le flessioni relative ai prodotti lattiero-caseari (indice 98,20, pari al -4,0%) ed ai bovini da macello (indice 110,35, pari al -1,0%).

    Per quanto concerne, in particolare, il segmento delle materie prime utilizzate dall’industria mangimistica la quasi totalità delle relative quotazioni ha continuato e ulteriormente rafforzato il trend regressivo iniziato nel 2014. Al riguardo, le dinamiche mensili dei listini delle Borse Merci di Bologna e Milano, considerate i mercati più rappresentativi per il settore mangimistico, confermano ulteriormente la dipendenza dei prezzi delle materie prime per l’alimentazione animale, e di riflesso della produzione mangimistica, ai fenomeni congiunturali di disponibilità interna ed estera di cereali e derivati, caratterizzata da un surplus produttivo per la maggior parte dei cereali foraggeri e semi oleosi.

    Ciò premesso, le quotazioni medie annuali 2016 per le materie prime considerate di principale utilizzazione per l’industria mangimistica, indicano cali più o meno sensibili, ad eccezione di mais, germe di mais, polpe di barbabietole e oli vegetali. Nel dettaglio: il frumento tenero si contrae di ulteriori 18 euro/t (-9,3% rispetto al 2015), mentre le farine di soia, scendendo mediamente a 373,70 euro/t., spuntano complessivamente altri 21 euro/t in meno, evidenziando un significativo trend ribassista dai 482 euro/t del 2013. Analoghe dinamiche, anche se più contenute, per farinacci e cruscami. Le quotazioni dei farinacci scendono di ulteriori 11 euro/t nel 2016, mentre i cruscami con un prezzo medio di 123 euro/t perdono ulteriori 5 euro/t. I prezzi medi continuano a scendere anche per farine glutinate (159,24/t, pari ad altri 8 euro/t in meno rispetto al 2015), girasole (da 229,85 a 213,62 euro/t, pari al -7,1%), orzo (-19 euro/t) e farine di erba medica (-8,44 euro/t). Il set ribassista di materie prime si conclude con le farine di pesce, diminuite da 1.766,36 a 1.722,13 euro/t (-2,5%). In netta controtendenza i prezzi medi per il germe di mais, che continua nel rialzo iniziato nel 2015, da 219,76 a 222,19 euro/t (+1,3%). Trend analogo per il mais, con un ulteriore rialzo di circa 17 euro/t (+10,3%). Nell'ambito dei foraggi, l’aumento di 18 euro/t delle quotazioni medie per le polpe di barbabietole recupera parzialmente il ribasso di 53 euro/t registrato nel 2015 rispetto all’anno precedente. Infine, anche gli oli vegetali spuntano quotazioni medie maggiori rispetto al 2015 (da 732,30 a 742,40 euro/t.).

    Indubbiamente l’alta volatilità dei prezzi agricoli è strettamente connessa con l’offerta produttiva nazionale ed estera di cereali e semi oleosi e con i relativi scambi con l’estero. Al riguardo, limitatamente all’offerta, i dati attualmente disponibili evidenziano quanto segue:
    a) a livello mondiale, secondo le stime I.G.C. (International Grains Council), la produzione di frumento viene stimata su 748 milioni di tonnellate per la campagna 2016/17, dopo i 737 milioni della campagna 2015/16 ed i 730 milioni di quella 2014/15, mentre le scorte dovrebbero aumentare ulteriormente da 222 milioni (campagna 2015/16) a 236 milioni per l’attuale campagna . Al contrario, i raccolti di mais attestatisi a 971 milioni di tonnellate nel 2015/16 (-4,7% rispetto alla campagna precedente) dovrebbero aumentare a circa 1.040 milioni, con un incremento delle scorte pari al 7,9% rispetto ai quantitativi record della precedente campagna. Per la soia, le produzioni, dopo il lieve calo registrato nel 2015, dovrebbero aumentare di nuovo da 315 a 335 milioni di tonnellate, mentre le scorte si aggiudicherebbero un lieve incremento attestandosi su circa 38 milioni di tonnellate;
    b) a livello comunitario, secondo le previsioni Coceral, nel 2016 le produzioni cerealicole sarebbero diminuite del 5,2%. Al loro interno, tuttavia, frumento tenero e mais incrementerebbero le relative produzioni raccolte rispettivamente dell’17% e 3,4%, mentre l’orzo subirebbe una flessione produttiva del 3,5%. Anche per il complesso delle produzioni oleaginose è prevista una flessione complessiva (-1,6 milioni di tonnellate, pari al -5,1%), anche se girasole e soia si attribuirebbero incrementi produttivi rispettivamente di 407 mila tonnellate (+5,3%) e 331 mila tonnellate (+15,9%);
    c) a livello nazionale, secondo Istat, la produzione complessiva dei cereali (escluso il riso) risulterebbe pressoché invariata rispetto al 2015 (+1,0%) con incrementi più o meno consistenti per quasi tutti i tipi di cereali, in parte controbilanciati quasi completamente dal significativo decremento produttivo del mais (-9,8%). Nel comparto dei semi oleosi si stimano significativi incrementi produttivi per girasole (+5,6%) e colza (+16,4%), mentre la soia rimarrebbe pressoché invariata.

    Bruno Massoli 27-03-2017 Tag: prezzi agricolimaterie primemangimicerealisemi oleosi
Articoli correlati