• Usa: ritardo nella semina di mais, grano invernale, avena e sorgo

    Print

    Quella della soia è invece in linea con l’anno scorso

    Agricoltura trattore %c2%a9 pershing   fotolia.com

    Le piogge di aprile hanno ritardato la semina di alcune colture negli Stati Uniti. È quanto emerge dal rapporto “Prospective Plantings” pubblicato dal Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti (Usda) e illustrato dal sito Feednavigator, secondo cui circa il 17% dei terreni agricoli statunitensi presenta un livello di umidità superiore del 13% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.

    L’Usda comunica che la semina del mais risulta indietro rispetto agli ultimi cinque anni. Quest’anno è stato piantato solo il 17% del mais, mentre nel 2016 la percentuale saliva al 18%. Tuttavia, il numero delle piantine che hanno iniziato a germogliare risulta in linea con quello osservato l’anno scorso e con la media degli ultimi anni, attestandosi a circa il 4%.

    La semina della soia risulta, invece, simile a quella effettuata nello scorso anno. Si attesta, infatti, a circa il 3%, una percentuale in linea con quella del 2016 e con la media degli ultimi anni. Il merito è soprattutto dell’incremento delle superfici destinate alla semina del legume, che sono aumentate del 7% rispetto all’anno precedente, fino a raggiungere gli 89,5 milioni di acri.

    Anche la semina del grano invernale procede a rilento. Quest'anno è stato piantato solo il 22% del cereale ed è germogliato solo il 5% delle piantine, mentre l’anno scorso in questo periodo era già stato piantato il 34% del grano invernale e aveva iniziato a germogliare il 40% delle piantine. La semina del sorgo procede invece a un ritmo più sostenuto rispetto allo scorso anno: quest’anno è stato piantato circa il 24% della coltura, rispetto a una media del 23% e alla percentuale del 19% registrata nel 2016.

    La semina della barbabietole da zucchero quest’anno risulta indietro: ne è stato piantato circa il 36%, rispetto a una media del 44% e al 58% registrato l’anno scorso. Anche la semina dell’avena va a rilento: è stato piantato circa il 57% della coltura, rispetto a una media del 62% e alla percentuale del 69% rilevata lo scorso anno. Infine, anche la semina dell’orzo presenta dei ritardi: è stato piantato circa il 27% dei semi del cereale e ha iniziato a germogliare il 7% delle piantine. Entrambe queste percentuali sono inferiori a quelle registrate nel 2016 e durante gli ultimi anni.

    Foto: © pershing - Fotolia.com

    redazione 09-05-2017 Tag: COLTUREseminacerealiUSDAmaissoiaUsa
Articoli correlati
  • Cereali, per Coceral produzione 2020 in calo

    Nelle sue prime previsioni per il 2020 il Coceral, l’Associazione europea del Commercio dei cereali e semi oleosi, ha stimato un calo del 2% nella produzione di cereali. Dai 308,9 milioni di tonnellate del 2019, nell'Ue a 27 Stati più il Regno...

    26-03-2020
  • Una mappa genetica per il mais

    Gli effetti del cambiamento climatico potrebbero mettere a dura prova il mais degli Stati Uniti, uno dei maggiori produttori al mondo. Diversi ricercatori sono impegnati a cercare delle soluzioni in ambito genetico per mettere a punto delle colture più...

    24-03-2020
  • Osservatorio territoriale qualità cereali: mais, frumento tenero, duro e orzo

    La filiera cerealicola costituisce uno dei settori più consistenti dell’economia agricola ed agroalimentare italiana. Ciononostante, negli ultimi dieci anni si è assistito a una forte riduzione della produzione nazionale, soprattutto in...

    19-03-2020
  • Nuovo record per export agroalimentare nel 2019, ma produzione agricola in calo

    Tra clima avverso e congiuntura sfavorevole il settore primario italiano ha fatto registrare un 2019 in chiaroscuro. La produzione e il valore aggiunto sono diminuiti, con il coinvolgimento di quasi tutti i settori, mentre l’export agroalimentare è...

    12-03-2020
  • Fao: prodotti alimentari, prezzi in calo anche per la diffusione del coronavirus

    Dopo una striscia positiva di quattro mesi, a febbraio l’Indice dei prezzi dei prodotti alimentari della Fao è diminuito dell’1%. Un ribasso causato anche dai timori legati alle conseguenze dell’epidemia da nuovo coronavirus. In...

    07-03-2020