• Europa, lanciato piano d’azione per incrementare sostenibilità degli allevamenti

    Print

    EU40 sottolinea contributo apportato dall’industria mangimistica

    %c2%a9 branex   fotolia.com 8 allevamenti animali

    Il gruppo EU40, costituito da giovani membri del Parlamento Europeo, ha elaborato un piano d’azione volto ad aumentare la sostenibilità degli allevamenti di bestiame europei. Il documento evidenzia le sfide che devono essere affrontate, cercando di trovare una risposta al quesito: “Come si può produrre di più con meno?”.

    Il piano delinea, in particolare, le diverse soluzioni innovative offerte dai settori coinvolti, come l'industria mangimistica, per migliorare la sicurezza alimentare, la qualità nutrizionale degli alimenti per animali e per contrastare gli effetti del cambiamento climatico. Inoltre, descrive le tre dimensioni della sostenibilità (economica, ambientale e sociale) ed elenca le azioni chiave che possono essere adottate per garantirla. Evidenzia, soprattutto, la necessità di accrescere la competitività degli allevatori dell'UE, di aumentare gli investimenti nell’innovazione e di adottare approcci legislativi olistici che favoriscano l’adozione d soluzioni basate sulla scienza.

    Ecco le principali iniziative proposte da EU40 per contribuire a rendere il settore agricolo europeo più sostenibile:
    1. aumentare gli incentivi destinati a permettere al settore dell’allevamento europeo di restare competitivo;
    2. incrementare gli investimenti nella scienza, nella tecnologia e nell’innovazione;
    3. incentivare l'impiego di tecnologie dirette a migliorare la mobilità rurale del bestiame;
    4. adottare un approccio legislativo olistico che consenta lo sviluppo e l'adozione di soluzioni basate completamente sulla scienza;
    5. trovare uno spazio comune che permetta agli operatori del settore dell’allevamento di comunicare con i consumatori e con gli altri soggetti interessati.

    Foto: © branex - Fotolia.com

    redazione 10-07-2017 Tag: sostenibilitàsicurezza alimentarescienzainnovazioneallevamenticompetitivitàUE
Articoli correlati