• Efsa, i consigli operativi per evitare la diffusione dell'influenza aviaria

    Print
    Polli

    Quella dell'ultima stagione è stata la più grande epidemia di influenza aviaria nell'Unione europea per estensione, numero di focolai negli allevamenti e decessi tra gli uccelli selvatici. Per prevenire e monitorare la possibile diffusione dei virus nella nuova stagione l'Efsa, Autorità europea per la Sicurezza alimentare, ha redatto un parere scientifico con alcune raccomandazioni rivolte agli allevatori.  

    Il documento è stato elaborato sulla scorta delle informazioni relative alle ultime epidemie di aviaria. La via più probabile d'ingresso del virus dell'influenza aviaria nel territorio comunitario è molto probabilmente il confine nord-orientale e orientale attraversato dagli uccelli selvatici migratori. Per questo è necessario valutare il rischio di ingresso e gli strumenti con cui poter arginarlo, i metodi di sorveglianza e le azioni degli Stati membri. 

    La raccomandazione fondamentale indirizzata dall'Efsa è quella di segnalare alle autorità veterinarie locali la presenza di uccelli acquatici trovati morti, soprattutto durante la stagione influenzale. Inoltre bisogna aumentare la biosicurezza sottoponendo anatre e oche, ovvero gli uccelli acquatici d'allevamento, a test per l'aviaria perché potrebbero venire a contatto con gli uccelli selvatici e poi diffondere il virus. È importante dunque eseguire delle analisi del sangue del pollame vivo e dei test virali degli uccelli acquatici d'allevamento trovati morti.  

    Gli allevatori avicoli e i detentori di pollame sono chiamati in causa per incrementare la biosicurezza: devono evitare il contatto diretto tra pollame e uccelli acquatici selvatici impiegando, ad esempio, delle reti o isolando gli animali durante la stagione di picco influenzale oppure spostandoli da un allevamento all'altro. 

    Assieme all'Ecdc, Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie, al Laboratorio di riferimento per l'aviaria e alle istituzioni nazionali, l'Efsa ha poi pubblicato un rapporto sulla situazione dell'influenza aviaria nell'Unione e nel resto del mondo, un rapporto che sarà aggiornato ogni trimestre.

    Vito Miraglia 24-10-2017 Tag: influenza aviariaEFSApollame
Articoli correlati
  • Coronavirus, Efsa: alimenti non fonte di trasmissione

    L’Efsa, l’Autorità europea per la Sicurezza alimentare, ribadisce che, al momento, non ci sono prove di una possibile trasmissione del virus Sars-CoV-2 da parte del cibo. Gli alimenti non sono né fonte né via di trasmissione...

    12-03-2020
  • Peste suina africana, la situazione nell’Unione europea

    Da novembre 2018 a ottobre 2019 i Paesi interessati dalla Peste suina africana nell’Unione europea sono stati nove, secondo l’ultimo aggiornamento dell’Efsa, l’Autorità europea per la sicurezza alimentare. Dal novero...

    05-02-2020
  • Incidenti alimentari, come le affrontano l’Unione europea e l’Efsa

    La tutela della sicurezza di alimenti è mangimi è una materia di cui si occupano non solo i singoli Paesi ma anche le autorità sovranazionali, ovvero l’Unione europea e l’Efsa. La Commissione europea in particolare coordina il...

    16-01-2020
  • Salmonella, il focolaio di rischio alimentare più comune in Europa

    Su tre focolai di infezioni di origine animale nell’Unione europea poco meno di uno è causato dalla Salmonella. L’agente batterico è dunque la causa più comune di infezioni da cibi e bevande contaminate. Per numero di casi...

    31-12-2019
  • Acquacoltura, Assalzoo: mangime italiano all’avanguardia

    A seguito delle recenti trasmissioni televisive che hanno avuto per oggetto il settore dell’acquacoltura, Assalzoo (Associazione nazionale tra i Produttori di Alimenti Zootecnici) evidenzia che, al di là dei continui richiami mediatici tesi a...

    19-12-2019