• Settore lattiero-caseario: export prodotti made in Italy cresciuto del 7,3%

    Print

    Esportate 239 mila tonnellate di formaggi in sette mesi

    %c2%a9 minadezhda   fotolia.com uova latte

    Nei primi sette mesi del 2017 le esportazioni dei prodotti lattiero-caseari italiani sono cresciute del 7,3% in volume e del 9,4% in valore. È quanto emerge dal rapporto: “Lattiero caseari: tendenze e dinamiche recenti” pubblicata da Ismea (Istituto di servizi per il mercato agricolo alimentare), secondo cui il settore lattiero-caseario mostra segni di ripresa dopo la crisi provocata dall'abolizione delle quote comunitarie, dall'embargo russo e dal rallentamento delle importazioni cinesi.

    L’Istituto sottolinea che a partire dal secondo trimestre 2017 sono stati registrati i primi segnali di crescita dei prezzi europei, che sono proseguiti per tutta l'estate fino a portare le quotazioni dei prodotti lattiero-caseari ai livelli attuali. Il dinamismo internazionale ha influito sul funzionamento del mercato italiano, tanto che dopo i minimi registrati lo scorso anno, il prezzo del latte alla stalla in estate è tornato a salire fino a raggiungere i 38,15 euro/100 litri ad agosto.

    La ripresa del mercato lattiero-caseario nazionale è confermata dall'andamento dell'Indice dei prezzi all'origine (base 2010) elaborato da Ismea, che ha chiuso i primi nove mesi del 2017 con un incremento del 14%, anche grazie alla significativa crescita delle quotazioni del burro (+77%) e, seppure in misura più contenuta, dei formaggi duri (+7%). La ripresa del comparto è stata favorita, inoltre, da un ulteriore rafforzamento dell'export: dopo gli ottimi risultati dello scorso anno, anche nel 2017 l'Italia si conferma il quarto paese esportatore a livello mondiale, dietro Germania, Francia e Paesi Bassi, con ben 239 mila tonnellate di formaggi esportati in sette mesi a fronte di oltre 1,5 miliardi di euro di introiti (+7,3% in volume e +9,4% in valore rispetto al periodo gennaio-luglio 2016).

    Il trend positivo sembra destinato a durare: secondo le previsioni Ocse-Fao, nel prossimo decennio è previsto un costante aumento del consumo pro-capite di prodotti lattiero-caseari (+1,8% annuo) a livello mondiale, che dovrebbe portare una crescita delle importazioni, soprattutto da parte dei paesi in via di sviluppo (Cina, Corea del Sud, Africa).

    Foto: © minadezhda - Fotolia.com

    redazione 06-11-2017 Tag: prodotti lattiero-caseariIsmeamercatoesportazionimade in Italy
Articoli correlati
  • Formaggi e latticini, è boom di esportazioni

    Forte recupero dell’export di formaggi e latticini. Se nel 2018 la crescita segnata era stata la più bassa degli ultimi dieci anni, per i primi sei mesi del 2019 si può parlare di vero e proprio boom. Le esportazioni del comparto sono salite...

    28-09-2019
  • Ue al primo posto nel mondo per export agroalimentare

    Nonostante una leggerissima flessione, l’Unione europea mantiene il primato nel mercato mondiale delle esportazioni di prodotti agroalimentari. Il volume di merci esportate ha raggiunto il valore di 138 miliardi di € nel 2018 come riferisce la...

    08-09-2019
  • Frumento, per il grano duro italiano produzione in netto calo

    Produzione pressoché ferma o in calo e bilance commerciali con esiti diversi. L’Ismea ha reso noti i dati su prezzi, raccolti e scambi commerciali del grano tenero e del grano duro in Italia. A corredo i numeri sulla produzione mondiale dei due...

    28-08-2019
  • Mais e grano duro, in aumento le importazioni nei primi mesi del 2019

    Un calo delle quantità e un corrispettivo aumento dei valori accomunano le importazioni e le esportazioni di cereali, semi oleosi e farine proteiche nei primi mesi del 2019 in Italia. Il Paese si conferma importatore di mais e grano duro mentre fa segnare...

    21-08-2019
  • Dop e Igp, il primo portale web sulle eccellenze del Made in Italy

    Dop e Igp sul web. Dal Prosciutto di Parma al salame Felino dal salmerino del Trentino al taleggio. Dal primo agosto sarà più facile ottenere informazioni su questi e altri prodotti a a denominazione di origine e a indicazione geografica protetta....

    02-08-2019