• Fao: aumentano costi delle importazioni alimentari

    Print

    Settore zootecnico e comparto lattiero-caseario mostrano grande dinamicità

    Trasporto cereali %c2%a9 candy1812   fotolia.com

    Nel 2017 il costo delle importazioni alimentari dovrebbe aumentare del 6% rispetto allo scorso anno, fino a raggiungere i 1.413 trilioni di dollari. Si tratta del secondo record registrato sinora, che giunge nonostante i prezzi delle materie prime alimentari si siano mantenuti generalmente stabili. È quanto emerge dal rapporto “Food Outlook” pubblicato dall’Organizzazione per l'alimentazione e l'agricoltura delle Nazioni Unite (Fao), secondo cui l’incremento sarebbe determinato dalla crescita della domanda internazionale della maggior parte dei prodotti alimentari e dai tassi di trasporto più elevati.

    La Fao precisa che i maggiori costi d'importazione arrivano in un momento in cui le scorte sono ingenti, le previsioni di raccolto sono elevate e i mercati dei prodotti alimentari restano ben forniti. Aggiunge che mentre le tendenze di produzione sono generalmente ampie, i prezzi medi delle transazioni internazionali possono mascherare tendenze più specifiche. Per esempio, anche se i prezzi del grano internazionale sono rimasti stabili, nel luglio 2017 il grano americano Hard Red Spring - una varietà popolare di alta qualità che contiene una quantità di proteine sufficiente per produrre la pasta - era più alto del 40% rispetto all’anno scorso. Anche le varietà di riso aromatico sono aumentate otto volte più velocemente rispetto all'Indice Fao del riso, che quest'anno è aumentato del 4%.

    La Fao precisa che anche il settore zootecnico e quello lattiero-caseario sono particolarmente dinamici. Nel 2017 l'Indice Fao dei prezzi del burro è salito finora del 41%, più di tre volte rispetto all'Indice dei prezzi dei prodotti lattiero-caseari di cui è una componente. Inoltre, quest'anno i costi d'importazione della carne dovrebbero raggiungere l'aumento storico record di 176 miliardi di dollari, registrando una crescita del 22% rispetto al 2016.

    Sembra destinata ad aumentare anche la produzione mondiale di latte, che dovrebbe crescere dell'1,4%, grazie a una robusta espansione del 4% in India, anche se regolamentazioni ambientali più severe e controlli di qualità in Cina potrebbero determinare una contrazione. È previsto un leggero aumento anche della produzione mondiale di oli vegetali, mentre la produzione globale di soia, nonostante l’incremento delle semine nell'emisfero settentrionale, dovrebbe diminuire. I rendimenti del legume dovrebbero tornare ai livelli normali dopo le condizioni meteorologiche ottimali dello scorso anno.

    Foto: © candy1812 - Fotolia.com

    red. 13-11-2017 Tag: carnezootecniacerealisoiagranoprodotti lattiero-casearifaocosti d'importazione
Articoli correlati
  • Assalzoo, l’industria mangimistica protagonista su Rai Parlamento

    Assalzoo (Associazione Nazionale tra i Produttori di Alimenti Zootecnici) e l’industria mangimistica protagoniste dell’informazione Rai.Nella puntata del 20 novembre di Rai Parlamento, all’interno della rubrica  “Spazio...

    20-11-2019
  • Stati Uniti, diminuiscono rendimento e produzione del mais

    Numeri negativi per la produzione di mais e di soia, sebbene a un grado inferiore, negli Stati Uniti. Un andamento simile è previsto per queste due commodities anche a livello globale. Il Dipartimento per l’Agricoltura degli Usa ha fornito i nuovi...

    19-11-2019
  • Carnipedìa, il mondo della carne dalla A alla Z

    Il mondo della carne condensato in un volume di agile lettura, “Carnipedìa. Appunti per una piccola enciclopedia della carne”. Il suo autore è Giuseppe Pulina, professore ordinario di Zootecnia speciale all’Università di...

    16-11-2019
  • Antibiotico-resistenza: il difficile cammino verso il “One Health”

    Sono ormai molti anni che il tema della resistenza batterica occupa uno spazio rilevante nella stampa scientifica e non. Le previsioni in termini sanitari e sociali sono ancora volte al pessimismo e, nonostante la macchina per contrastare questo fenomeno si sia...

    11-11-2019
  • Ismea, stoccaggio punto debole della filiera cerealicola

    I centri di stoccaggio sono inadeguati ai bisogni della filiera cerealicola. Molti sono poco moderni, hanno una capacità oraria di lavorazione ridotta, una sola fossa di ricevimento e linee di carico che limitano lo stoccaggio differenziato per partite...

    07-11-2019