• Il 2017 delle uova è stato all'insegna della crescita

    Print

    Crescono quotazioni e consumi

    Uova

    Nel 2017 i consumi e i prezzi delle uova sono tornati a crescere. Dopo la riduzione della spesa complessiva registrata nel 2016 - anno in cui l'aumento dei volumi era stato accompagnato dal ridimensionamento dei prezzi -, lo scorso anno i volumi sono aumentati dell’1,3% e la spesa complessiva del 4,8%. È quanto emerge dal rapporto “Consumi alimentari - I consumi domestici delle famiglie italiane”, pubblicato da Ismea (Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare), che analizza gli acquisti domestici di uova nel 2017.

    Il trend positivo, secondo Ismea, sarebbe dovuto al maggior assortimento dei prodotti di alto profilo, alla minore offerta disponibile sui mercati a seguito di emergenze sanitarie e ai problemi legati alle norme sulla sicurezza alimentare (influenza aviaria e presenza d’insetticidi vietati in alcuni lotti di uova), che hanno costretto molti allevamenti a rinnovare il patrimonio delle ovaiole, determinando brevi vuoti produttivi e generando un incremento dei prezzi. L’Istituto evidenzia che le emergenze sono state gestite con rapidità ed efficienza sia dagli allevatori - che in molti casi si sono sottoposti volontariamente al sistema di controllo -, sia dagli esperti di sicurezza sanitaria, che hanno individuato e isolato i primi focolai rapidamente, prevenendo la diffusione del virus.

    Negli ultimi mesi del 2017 i prezzi delle uova hanno registrato un notevole incremento: nella fase all’ingrosso le quotazioni di dicembre hanno superato del 56% quelle del 2016. Anche i prezzi al consumo hanno mostrato recuperi evidenti nella fase finale dell’anno, anche se gli incrementi sono stati meno accentuati (+23% a dicembre su base annua) perché l’80% delle forniture si basa su contratti a lungo termine. Ismea sottolinea che, almeno in parte, l’aumento dei listini medi è dovuto al maggior assortimento dei prodotti di alto profilo: presso la grande distribuzione è stata registrata una netta separazione tra i prezzi del prodotto di “normo-qualità” e quello dei segmenti di elevato profilo qualitativo, con forbici che vanno dai 15 ai 50 centesimi al pezzo.

    red. 05-03-2018 Tag: uovamercatoallevamentopollameIsmea
Articoli correlati
  • Piano Nazionale Residui, nel 2018 non conforme lo 0,01% dei campioni

    Una parte molto esigua dei campioni analizzati nell’ambito del Piano Nazionale Residui, lo 0,01%, è risultata non conforme alle normative sulla contaminazione. Nel 99,9% dei casi, invece, il risultato è conforme ai parametri di legge. Sono i...

    14-10-2019
  • #Meatthefacts, il nuovo sito di informazione a difesa dell’immagine della zootecnia

    Fefac-Federazione dei Produttori europei di Mangimi e altre dieci associazioni zootecniche in campo contro la disinformazione e l’immagine distorta del settore che circola sui social e nei media. Bisogna tornare ai fatti, dicono le organizzazioni riunite...

    29-09-2019
  • Formaggi e latticini, è boom di esportazioni

    Forte recupero dell’export di formaggi e latticini. Se nel 2018 la crescita segnata era stata la più bassa degli ultimi dieci anni, per i primi sei mesi del 2019 si può parlare di vero e proprio boom. Le esportazioni del comparto sono salite...

    28-09-2019
  • Frumento, per il grano duro italiano produzione in netto calo

    Produzione pressoché ferma o in calo e bilance commerciali con esiti diversi. L’Ismea ha reso noti i dati su prezzi, raccolti e scambi commerciali del grano tenero e del grano duro in Italia. A corredo i numeri sulla produzione mondiale dei due...

    28-08-2019
  • Come gestire una stalla da 20.000 Kg?

    Quando pensiamo al futuro della zootecnia da latte, immaginiamo stalle con performance medie per vacca ben lontane da quelle, pur ragguardevoli, ottenute attualmente. La media delle venti stalle più produttive d’Italia del 2018 è stata di...

    29-07-2019