• Indice Fao, materie prime alimentari: lieve aumento dei prezzi in aprile

    Print

    Crescono i listini di cereali e prodotti lattiero-caseari, diminuiscono quelli della carne

    Mercato frutta verdura %c2%a9 berc   fotolia.com

    Nel mese di aprile i prezzi delle materie prime alimentari sono aumentati leggermente. Le quotazioni dei cereali e dei prodotti lattiero-caseari hanno continuato a salire, mentre quelle dello zucchero a diminuire. Lo evidenzia l’Organizzazione per l'alimentazione e l'agricoltura delle Nazioni Unite (Fao), specificando che ad aprile l'Indice Fao dei prezzi alimentari si è attestato su una media di 173,5 punti, registrando un leggero aumento rispetto a marzo (172,8 punti) e un incremento del 2,7% rispetto allo stesso periodo del 2017.

    L'indice Fao dei prezzi dei cereali ad aprile è aumentato dell'1,7%, riportando il quarto incremento mensile consecutivo e una crescita del 15,4% rispetto al valore di un anno fa. I prezzi del grano sono stati sostenuti dai rischi legati al clima negli Stati Uniti, mentre la flessione della produzione in Argentina e le minori semine negli Stati Uniti hanno spinto verso l'alto i prezzi internazionali del mais. Sono cresciuti anche i listini del riso.

    È aumentato anche il valore dell'indice Fao dei prezzi dei prodotti lattiero-caseari, salito del 3,4% rispetto al mese scorso. Secondo l’Organizzazione, la crescita delle quotazioni sarebbe dovuta alla forte domanda e alle preoccupazioni sulle disponibilità per l'esportazione in Nuova Zelanda.

    L'indice Fao dei prezzi delle carni è sceso dello 0,9% rispetto al mese di marzo. I listini delle carni bovine e suine sono leggermente diminuiti, mentre quelli della carne ovina e del pollame sono rimasti stabili. L’aumento delle esportazioni dalle Americhe ha determinato il calo dei prezzi della carne bovina, mentre il rallentamento della domanda di importazioni ha fatto scendere le quotazioni delle carni suine.

    L'indice Fao dei prezzi dell'olio vegetale è diminuito dell'1,4% rispetto a marzo, a causa della flessione dei listini dell’olio di palma, di soia e di semi di girasole.

    Infine, l'indice Fao dei prezzi dello zucchero è sceso del 4,8% rispetto al mese precedente, continuando il trend negativo iniziato lo scorso dicembre. In media il suo valore è più basso del 24% rispetto ad aprile 2017. Il calo sarebbe dovuto all’eccesso di offerta alimentato da raccolti record in Tailandia e in India (il secondo maggior produttore di zucchero al mondo), e al deprezzamento del Real, la valuta del Brasile (il maggior produttore mondiale).

    Foto: © berc - Fotolia.com

    redazione 06-05-2018 Tag: materie primecerealicarneprodotti lattiero-casearifao
Articoli correlati
  • Stati Uniti, diminuiscono rendimento e produzione del mais

    Numeri negativi per la produzione di mais e di soia, sebbene a un grado inferiore, negli Stati Uniti. Un andamento simile è previsto per queste due commodities anche a livello globale. Il Dipartimento per l’Agricoltura degli Usa ha fornito i nuovi...

    19-11-2019
  • Mais, una politica di filiera per il rilancio di una coltura strategica nella filiera agroalimentare

    La produzione di mais in Italia continua a calare. Ormai l’autoapprovvigionamento del nostro Paese, dopo avere perso l’autosufficienza, scende nel 2019 anche al di sotto della soglia del 50% del fabbisogno interno. La situazione è preoccupante...

    18-11-2019
  • Carnipedìa, il mondo della carne dalla A alla Z

    Il mondo della carne condensato in un volume di agile lettura, “Carnipedìa. Appunti per una piccola enciclopedia della carne”. Il suo autore è Giuseppe Pulina, professore ordinario di Zootecnia speciale all’Università di...

    16-11-2019
  • Ismea, stoccaggio punto debole della filiera cerealicola

    I centri di stoccaggio sono inadeguati ai bisogni della filiera cerealicola. Molti sono poco moderni, hanno una capacità oraria di lavorazione ridotta, una sola fossa di ricevimento e linee di carico che limitano lo stoccaggio differenziato per partite...

    07-11-2019
  • Sicurezza alimentare, l'impegno Fao per il 2030

    L’Obiettivo numero due dell’Agenda 2030 per lo Sviluppo sostenibile richiede di “porre fine alla fame, raggiungere la sicurezza alimentare, migliorare la nutrizione e promuovere un’agricoltura sostenibile”. Uno degli attori titolati...

    06-11-2019