• Bovini, come eliminare la dermatite nodulare contagiosa

    Print

    Nuovo rapporto dell’Efsa illustra metodi più efficaci

    Mucca bovini %c2%a9 mexrix   fotolia.com

    Ora che i focolai nell’Europa sud-orientale sono stati contenuti, occorre individuare le strategie più efficaci per eliminare la dermatite nodulare (Lsd) nei bovini. Lo sostiene l'Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa), che nel rapporto: “Lumpy skin disease: scientific and technical assistance on control and surveillance activities” descrive la durata ideale dei programmi di vaccinazione per eliminare la malattia, esamina le probabilità che la Lsd si manifesti di nuovo e illustra i possibili metodi di sorveglianza.

    L‘Efsa comunica che nella regione balcanica i focolai di dermatite nodulare contagiosa bovina sono calati del 95%: sono passati da 7.483 nel 2016 a 385 nel 2017. Nel 2018 sono stati segnalati focolai della malattia nell’Europa sud-orientale e un focolaio nella parte europea della Turchia. Dal rapporto emerge che il programma vaccinale potrà essere più breve quanto più sarà efficace la vaccinazione e quanto più numerose saranno le mandrie vaccinate. Per esempio, se la vaccinazione è efficace sull'80% degli animali vaccinati, sarà sufficiente un programma biennale con copertura vaccinale del 90% delle mandrie.

    L’Efsa precisa che le probabilità che la dermatite nodulare contagiosa si ripresenti dopo un programma di vaccinazione dipendono soprattutto dalla possibilità che vengano introdotti animali infetti dalla zone vicine interessate dalla malattia. Inoltre, potrebbe svolgere un ruolo rilevante la possibile persistenza del virus nei vettori (come zecche e insetti) o nell'ambiente. Il rapporto, infine, illustra i metodi di sorveglianza più efficaci, che includono misure per la diagnosi precoce di nuovi casi e modalità per dimostrare l’assenza della malattia.

    Foto: © Mexrix - Fotolia.com

    redazione 25-10-2018 Tag: dermatite nodulare contagiosaboviniEFSAvaccinazionesalute animale
Articoli correlati
  • Incidenti alimentari, come le affrontano l’Unione europea e l’Efsa

    La tutela della sicurezza di alimenti è mangimi è una materia di cui si occupano non solo i singoli Paesi ma anche le autorità sovranazionali, ovvero l’Unione europea e l’Efsa. La Commissione europea in particolare coordina il...

    16-01-2020
  • Salmonella, il focolaio di rischio alimentare più comune in Europa

    Su tre focolai di infezioni di origine animale nell’Unione europea poco meno di uno è causato dalla Salmonella. L’agente batterico è dunque la causa più comune di infezioni da cibi e bevande contaminate. Per numero di casi...

    31-12-2019
  • Acquacoltura, Assalzoo: mangime italiano all’avanguardia

    A seguito delle recenti trasmissioni televisive che hanno avuto per oggetto il settore dell’acquacoltura, Assalzoo (Associazione nazionale tra i Produttori di Alimenti Zootecnici) evidenzia che, al di là dei continui richiami mediatici tesi a...

    19-12-2019
  • Fefac, tiene la produzione europea di mangimi nel 2019

    Resta sostanzialmente stabile la produzione di mangimi in Europa. Nel 2019 – secondo le stime di Fefac, Federazione europea dei Produttori di mangimi – nei 28 Paesi l’output è stimato a 161,7 milioni di tonnellate. Rispetto...

    14-12-2019
  • Benessere del pollame, parere scientifico Efsa

    Con due pareri scientifici l’Efsa, l’Autorità europea per la Sicurezza alimentare, è intervenuta sul tema del benessere del pollame nella macellazione. Un parere fa riferimento alla produzione alimentare, l’altro al decesso degli...

    27-11-2019