• Usa, produzione di mais e soia in calo

    Print
    Agricoltura trattore %c2%a9 pershing   fotolia.com

    La produzione di mais e soia negli Stati Uniti dovrebbe essere inferiore alle aspettative. Lo evidenzia il rapporto “Crop production” pubblicato dal Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti (Usda), secondo cui nella stagione 2018 la produzione statunitense di mais dovrebbe raggiungere 14.626 miliardi di bushel, l'1% in meno rispetto ai 14.778 miliardi di bushel previsti nel mese di ottobre. Si tratta comunque di un ammontare più alto dello 0,2% rispetto ai 14.604 miliardi di bushel registrati nel 2017 e il secondo valore più alto registrati dopo i 15.148 miliardi di bushel raccolti nel 2016. La produzione di soia dovrebbe attestarsi a 4.600 miliardi di bushel, l'1,9% in meno rispetto ai 4.690 miliardi di bushel previsti a ottobre, anche se in aumento del 4,3% rispetto ai 4.411 miliardi di bushel raccolti un anno fa.

    Sulla base delle condizioni presenti il 1° novembre, l’Usda stima che la produzione media di mais nel 2018 dovrebbe essere pari a 178,9 bushel per acro, in calo di 1,8 bushel rispetto alle previsioni di ottobre ma 2,3 bushel in più rispetto al 2017. L'area raccolta sarebbe pari a 81,8 milioni di acri, lo stesso valore di ottobre, ma più basso dell'1,1% rispetto al 2017.

    La resa media della soia in base alle condizioni del 1° novembre dovrebbe essere pari a 52,1 bushel per acro, 1 bushel in meno rispetto a ottobre ma 2,8 bushel in più rispetto al 2017. L'area raccolta sarebbe pari a 88,3 milioni di acri, in calo di 5.000 acri rispetto a ottobre e dell'1,2% rispetto all’anno scorso.

    Nel rapporto “World Agricultural Supply and Demand Estimates”, l’Usda ha rivisto al ribasso rispetto a ottobre le stime sulle scorte di mais negli Stati Uniti per il 2019, che dovrebbero essere pari a 1.736 milioni di bushel, il 4,3% in meno rispetto alle precedenti previsioni. Ha quindi precisato che il calo della produzione ha più che compensato la riduzione dell’utilizzo del cereale nei mangimi e delle esportazioni. prevista per la stagione 2018-19.

    L'Usda ha modificato anche le previsioni sulle scorte di soia statunitensi nel 2019, che dovrebbero essere pari a 955 milioni di bushel, l'8% in più rispetto alle stime di ottobre. L’aumento delle riserve è il risultato del calo delle esportazioni e dell’uso dei semi, che hanno compensato la riduzione della produzione.

    Foto: © pershing - Fotolia.com

    red. 21-11-2018 Tag: soiamaisUSDAproduzionescorte
Articoli correlati
  • Giornata del Mais 2020: tra storia e innovazione

    La Giornata del Mais, che si è tenuta a Bergamo il 24 gennaio, si è focalizzata su due importanti aspetti: storia ed innovazione. L’anno 2020 segna infatti una data importante per la sede di Bergamo del CREA: festeggia i 100 anni della...

    06-02-2020
  • Stati Uniti, in aumento la produzione zootecnica

    Stime positive per la zootecnia statunitense. Secondo il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti il numero di animali in produzione (indicati dall’unità di misura Gcau - Grain-consuming animal units) è stato incrementato di 0,24...

    04-02-2020
  • Stati Uniti, cresce la domanda di mais per mangimi

    Più mais e frumento destinati alla nutrizione animale, con una riduzione delle scorte finali, e maggiore produzione di soia. Il Dipartimento per l’Agricoltura degli Stati Uniti ha aggiornato le previsioni relative alla domanda e offerta delle...

    04-02-2020
  • Giornata del mais, al Crea il punto sulle risorse genetiche in maiscoltura

    Un secolo di maiscoltura. Sono cento anni che Bergamo è la sede dell’Istituto di Maiscoltura, un anniversario che sarà celebrato il prossimo 24 gennaio in occasione della Giornata del Mais. Al centro del programma, oltre alla storia, ci...

    19-01-2020
  • Fefac, cresce in Europa l’utilizzo di soia responsabile per i mangimi

    Più soia responsabile nei mangimi europei. Secondo le ultime rilevazioni di Fefac, la Federazione europea dei Produttori di mangimi, in Europa gli acquisti di soia responsabile si aggirano tra le 9-10 tonnellate. Un aumento significativo rispetto al 2017...

    14-01-2020