• Efsa, nuovo approccio semplifica raccolta dati su malattie animali

    Print

    L’obiettivo è rendere più efficace la valutazione del rischio

    Efsa

    Semplificare la raccolta dei dati sulle malattie degli animali nell'Unione Europea: è questo l’obiettivo del rapporto “Sigma animal disease data model: A comprehensive approach for the collection of standardised data on animal diseases”, pubblicato dall'Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa), che si prefigge di rendere più efficace la valutazione del rischio. Il documento, in particolare, descrive come ottimizzare le modalità con cui i dati vengono raccolti dagli Stati membri e trasmessi all'Efsa, e rappresenta il primo risultato del progetto Sigma, che punta ad automatizzare l'invio dei dati sulle epidemie, sulla sorveglianza e sulle popolazioni di animali domestici.

    L'Efsa raccoglie con cadenza periodica dagli Stati membri informazioni sulle malattie degli animali - come la peste suina africana, la dermatite nodulare contagiosa e l'influenza aviaria -, che vengono poi analizzate per finalità di valutazione del rischio. Tuttavia, l’Autorità sottolinea che questi dati sono spesso difficili da confrontare e analizzare, perché vengono raccolti utilizzando metodi diversi e sono illustrati in lingue diverse. Pertanto, nel rapporto viene proposto un approccio che traduce automaticamente i dati attualmente raccolti dagli Stati membri in un linguaggio comune e li archivia in modo logico. In questo modo, rende omogenea la raccolta dei dati, semplificandone le procedure.

    “Questo approccio vuole mettere a disposizione la prima biblioteca strutturata di informazioni sulle malattie degli animali – spiega Gabriele Zancanaro, che gestisce il progetto Sigma -. Ciò consentirà di risparmiare molto tempo e risorse per gli Stati membri che trasmettono dati all'Efsa e consentirà all'Efsa di produrre valutazioni scientifiche di qualità superiore in un tempo più breve”.

    L’Efsa precisa che nel progetto sono già attivi i fornitori di dati di Italia e Spagna. Chi volesse parteciparvi può inviare una mail all’indirizzo: alpha@efsa.europa.eu

    redazione 26-01-2019 Tag: salute animaleEFSAProgetto Sigmamalattie animali
Articoli correlati
  • Incidenti alimentari, come le affrontano l’Unione europea e l’Efsa

    La tutela della sicurezza di alimenti è mangimi è una materia di cui si occupano non solo i singoli Paesi ma anche le autorità sovranazionali, ovvero l’Unione europea e l’Efsa. La Commissione europea in particolare coordina il...

    16-01-2020
  • Salmonella, il focolaio di rischio alimentare più comune in Europa

    Su tre focolai di infezioni di origine animale nell’Unione europea poco meno di uno è causato dalla Salmonella. L’agente batterico è dunque la causa più comune di infezioni da cibi e bevande contaminate. Per numero di casi...

    31-12-2019
  • Acquacoltura, Assalzoo: mangime italiano all’avanguardia

    A seguito delle recenti trasmissioni televisive che hanno avuto per oggetto il settore dell’acquacoltura, Assalzoo (Associazione nazionale tra i Produttori di Alimenti Zootecnici) evidenzia che, al di là dei continui richiami mediatici tesi a...

    19-12-2019
  • Benessere del pollame, parere scientifico Efsa

    Con due pareri scientifici l’Efsa, l’Autorità europea per la Sicurezza alimentare, è intervenuta sul tema del benessere del pollame nella macellazione. Un parere fa riferimento alla produzione alimentare, l’altro al decesso degli...

    27-11-2019
  • Peste suina africana, Efsa: Paesi balcanici a rischio contagio

    Il rischio che la peste suina africana possa diffondersi nei Balcani è molto elevata. Le probabilità del contagio da qui a un anno, dai Paesi già interessati dalla malattia zootecnica, sono comprese tra il 66% e il 100%. Invece il rischio di...

    19-11-2019