• Stati Uniti, in ritardo semina di mais e altri cereali

    Print

    Colpa delle cattive condizioni meteo

    Copia di agricoltura trattore cereali %c2%a9 hopsalka   fotolia

    Negli Stati Uniti le condizioni meteorologiche avverse avrebbero ritardato la semina del mais e di altri cereali utilizzati nella produzione dei mangimi. Lo evidenzia il rapporto “Crop Progress” pubblicato dal Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti (Usda), secondo cui le piogge e le inondazioni avrebbero costretto gli agricoltori a posticipare la semina e, in alcuni casi, a modificare i propri progetti, inducendoli a optare per colture con tempi di crescita più brevi, come la soia.

    Mais – L’Usda precisa che la semina del mais ha lo stesso ritmo registrato durante la primavera dello scorso anno, ma è rimasta indietro rispetto alla media pluriennale. Quest'anno – come nel 2018 - è stato piantato in media circa il 5% dei semi di mais nei 18 stati che producono il 92% del raccolto. I maggiori progressi sono stati rilevati in Texas, dov’è stato seminato il 57% della coltura. In altri 12 stati, invece, la semina è appena iniziata.

    Grano – La semina del frumento invernale è in ritardo sia rispetto allo scorso anno, sia rispetto alla media pluriennale. Nei 18 stati che forniscono il 90% del raccolto, finora è stato piantato solo il 6% dei semi. In compenso, l’Usda osserva che la qualità del grano invernale quest’anno dovrebbe essere superiore a quella dell’anno scorso: circa il 60% del raccolto è stato valutato come "buono o eccellente", mentre nello stesso periodo del 2018 la percentuale si fermava al 31%. In ritardo anche la semina del grano primaverile, inferiore a quella degli anni precedenti. In particolare, finora è stato piantato il 2% dei semi, mentre l’anno scorso ne era stato piantato circa il 3%.

    Sorgo – L’Usda osserva che la semina dell’orzo prosegue a un ritmo più lento di quello registrato nel 2018 e rispetto alla media pluriennale. Se l'anno scorso era stato piantato circa il 20% dei semi, quest’anno la percentuale si ferma a circa il 19%.

    Avena – La semina dell’avena procede invece a un ritmo leggermente più veloce rispetto all'anno scorso, anche se resta più lento rispetto alla media pluriennale. Finora è stato piantato circa il 40% dei semi, mentre nel 2018 la percentuale si fermava al 30%. Circa il 26% delle piantine ha iniziato a germogliare, un risultato in linea con quanto avvenuto lo scorso anno, ma in ritardo rispetto alla media stagionale.

    Orzo – Anche la superficie coltivata con l’orzo è leggermente superiore rispetto a quella dell'anno scorso, ma il ritmo della semina resta molto indietro rispetto alla media pluriennale. Quest'anno è stato piantato circa l'8% dei semi, mentre la media stagionale si attesta intorno al 19%.

    Foto: © hopsalka - Fotolia

    red. 23-04-2019 Tag: cerealiUSDAseminamaisUsagrano
Articoli correlati
  • Le prove varietali 2019 confermano buoni risultati per l’orzo zootecnico

    La rete delle prove varietali per l’orzo zootecnico, coordinata dal Centro di ricerca Genomica e Bioinformatica (CREA-GB) di Fiorenzuola D’Arda, fornisce una valutazione annuale del panorama varietale italiano per tale specie. Essa è il solo...

    28-02-2020
  • Blocco traffico Brennero, anche i cereali tra le categorie colpite

    Dal primo gennaio sono entrate in vigore in Austria delle nuove limitazioni al traffico veicolare sull’autostrada che porta al valico del Brennero, quindi al confine con l’Italia. I divieti sono settoriali, quindi è stato imposto il blocco al...

    19-02-2020
  • Fao, ancora in aumento i prezzi delle commodities

    Continua la crescita del livello dei prezzi dei beni alimentari nelle rilevazioni della Fao. Quello di gennaio è stato il quarto aumento consecutivo dell’Indice dei Prezzi alimentari, ora a 182,5 punti, +0,7% rispetto al mese precedente e +11,3% su...

    14-02-2020
  • Giornata del Mais 2020: tra storia e innovazione

    La Giornata del Mais, che si è tenuta a Bergamo il 24 gennaio, si è focalizzata su due importanti aspetti: storia ed innovazione. L’anno 2020 segna infatti una data importante per la sede di Bergamo del CREA: festeggia i 100 anni della...

    06-02-2020
  • Stati Uniti, cresce la domanda di mais per mangimi

    Più mais e frumento destinati alla nutrizione animale, con una riduzione delle scorte finali, e maggiore produzione di soia. Il Dipartimento per l’Agricoltura degli Stati Uniti ha aggiornato le previsioni relative alla domanda e offerta delle...

    04-02-2020