• Innovazione in agricoltura, necessaria per sopravvivenza del made in Italy agroalimentare

    Print
    Alimenti %c2%a9 giuseppe porzani   fotolia

    La ricerca scientifica in agricoltura potrebbe proteggere piante simbolo del made in Italy agroalimentare come grano, riso, ulivo, basilico e pomodoro San Marzano, che oggi rischiano di scomparire. Potrebbe, infatti, rendere queste colture più resistenti agli attacchi di virus, batteri e funghi. Lo hanno affermato gli esperti riuniti in occasione dell’incontro pubblico “Cibi a rischio di estinzione”, che si è svolto durante il “Food & Science Festival 2019” su iniziativa di Cibo per la mente, il Manifesto per l’innovazione nel settore primario che riunisce 14 associazioni dell’agroalimentare italiano. L’evento di divulgazione scientifica è stato condotto da Deborah Piovan, agricoltore e portavoce di Cibo per la mente, e da Vittoria Brambilla, genetista e ricercatrice dell’Università degli Studi di Milano.

    “È di ieri l’allarme lanciato dall’Autorità europea della sicurezza alimentare (Efsa), secondo cui non esiste ancora un modo conosciuto per eliminare la Xylella fastidiosa da una pianta di olivo malata – ha dichiarato Deborah Piovan -. Secondo i dati Istat, la produzione italiana di olio d’oliva è scesa nel 2018 del -34,7% rispetto all’anno precedente, con la massima caduta in Puglia (-48% in valore e -43% in volume). Questo è solo un esempio dei rischi a cui esponiamo i nostri prodotti che non possono beneficiare dei vantaggi garantiti dalle biotecnologie. In questo preoccupante scenario ci aspettiamo che il nuovo Parlamento europeo riordini la materia in modo da rendere fruibili le nuove e promettenti tecnologie, anche in seguito alla sentenza della Corte europea di Giustizia che nel luglio 2018 ha incluso le New Breeding Techniques (Nbts) nella vecchia direttiva Ogm 2001/18/CE, pensata quando la moderna mutagenesi neppure esisteva. Le nuove tecniche di genome editing sono una risorsa fondamentale per aumentare le rese in maniera sostenibile, contrastare l’aggressività delle malattie delle piante e produrre alimenti più nutrienti: i ricercatori devono però avere l’opportunità di potervi avere accesso”.

    Le 14 associazioni della filiera agroalimentare chiedono al nuovo Parlamento europeo di favorire l’innovazione in agricoltura, affinché gli ingredienti primari dell’alimentazione made in Italy, come grano, riso, olio extravergine d’oliva, basilico e pomodoro, possano essere sempre presenti sulla tavola degli italiani. La loro sopravvivenza, spiegano, è minacciata da patogeni come Puccinia graminis, Cucumber Mosaic Virus, Xylella fastidiosa, Magnaporthe oryzae e Peronospora belbahrii, che colpiscono le colture e danneggiano i raccolti.

    “È difficile immaginare un futuro prossimo in cui sarà difficile poter preparare ricette semplici come una bruschetta, un risotto o la pasta al pesto – ha aggiunto Vittoria Brambilla -. Eppure la ruggine del grano mette a rischio le coltivazioni di frumento tenero, il virus del mosaico minaccia il Pomodoro San Marzano, la peronospora il basilico e il brusone il riso da risotti, fiori all'occhiello della dieta italiana. La tutela di questi ingredienti non può prescindere dall'innovazione in agricoltura che consente di rendere queste varietà più resistenti ai patogeni. Il genome editing rappresenta la naturale evoluzione dei metodi convenzionali, ma consente di ottenere gli stessi risultati in tempi brevissimi e con maggiore precisione”.

    Gli esperti sottolineano, infine, la necessità di fornire alla popolazione una corretta comunicazione sui benefici dell’innovazione scientifica. “In Europa abbiamo il cibo più sicuro al mondo, ma i consumatori più spaventati e non possiamo adagiarci sulla narrazione di un’agricoltura tutta ‘buona’ e ‘naturale’ – ha concluso Deborah Piovan -. Comunicare i vantaggi della scienza in agricoltura serve a riparare questo corto circuito e sostenere il lavoro di ricercatori, agricoltori e trasformatori che portano ogni giorno cibo sicuro, abbondante e a buon mercato sulle nostre tavole”.

    Foto: © Giuseppe Porzani - Fotolia

    redazione 22-05-2019 Tag: agricolturaricercaagroalimentaremade in Italygenome editing
Articoli correlati
  • Del Bravo (Ismea): “Da contratti di filiera vantaggi per tutti i partecipanti a catena del valore”

    Produzioni stabili rispetto agli ultimi anni, necessità di promuovere i contratti di filiera, maggiore collegamento della ricerca. Mangimi&Alimenti fa il punto della situazione nel settore cerealicolo con Fabio Del Bravo, responsabile della Direzione...

    12-01-2020
  • Ismea, buoni margini di crescita per i formaggi pecorini

    Il comparto ovicaprino ricopre un ruolo marginale nel settore primario ma i margini di crescita del mercato dei formaggi pecorini sono notevoli. Poco più di una famiglia su due (il 53%) acquista almeno una volta l’anno qualsiasi tipologia di...

    11-01-2020
  • Fao, l’innovazione strumento essenziale contro cambiamento climatico

    Uno strumento su cui l’agricoltura può puntare per far fronte al cambiamento climatico è l’innovazione. Dai droni ai sistemi di allerta rapidi via smartphone alle nuove pratiche agricole smart sono molte le risorse da cui ricavare un...

    09-01-2020
  • L’agricoltura di domani, la sfida della produzione

    Il binomio agricoltura-innovazione si impone come una scelta inderogabile, ben oltre l’ovvia esistenza di un profondo legame, oggi insostituibile ancor più che in passato. Questa consapevolezza supera la semplice constatazione, al limite della...

    08-12-2019
  • I costi dell'antiscienza, convegno a Roma

    I costi dell'antiscienza Convegno sulla mentalità anti-scientifica       Keynote Speech:Giulio Giorello (Università di Milano) Intervengono:Roberto Burioni (Università Vita-Salute San Raffaele), Scienza e bugieRoberto...

    25-11-2019