• Agricoltura e zootecnia, con hard Brexit in Italia 9 mila posti di lavoro in meno

    Print
    Brexit pixabay

    L’uscita senza accordo del Regno Unito dall’Unione europea avrà ripercussioni sul Pil e sull’occupazione in molti settori degli altri Paesi europei. Tra questi anche l’agricoltura e la zootecnia nelle quali l’Italia perderebbe oltre 9 mila posti di lavoro. Meno gravi le conseguenze di un addio morbido del Regno Unito: la riduzione della forza lavoro sarebbe limitata a circa 1600 unità. Sono alcune delle stime contenute in uno studio realizzato dalla Università di Leuven in Belgio di recente pubblicazione. 

    L’agricoltura e la zootecnia sono tra i quindici settori che pagheranno il maggior prezzo della dipartita di Londra dall’Ue. Eccezion fatta per la plastica, la metallurgia, l’elettronica e gli strumenti di precisione, le professioni legali e il commercio, all’ingrosso e al dettaglio, l’Italia è uno dei dieci Paesi maggiormente coinvolti dalla Brexit. Per il settore primario, l’impatto della Brexit con accordo sarà di una perdita dello 0,2% del totale dei lavoratori (1656 unità) mentre l’hard Brexit avrà un costo maggiore: 9097 lavoratori in meno, l’1,10%. In ogni caso l’Italia si trova in basso nella classifica dei dieci Paesi con l’agricoltura e l’allevamento più gravati dalla Brexit. In un piazzamento più sfavorevole si trovano Francia, Germania, Olanda e Belgio con l’Irlanda in testa (-16,49% di lavoratori con lo scenario peggiore).

    I ricercatori dell’università belga hanno incluso tra i quindici settori anche l’industria alimentare. L’hard Brexit implicherà una riduzione di 112 mila impieghi in tutta l’Europa a 27. In Italia il risultato in questo settore è leggermente migliore – in valori assoluti – rispetto all’agricoltura e all’allevamento. Con accordo, nel food & beverages la contrazione di forza lavoro sarà di 1248 unità (- 0,3%) mentre senza accordo sarà di 7385 lavoratori, l’1,6% in meno. Sempre l’Irlanda sarebbe il Paese con l’aggravio maggiore sia con che senza accordo. 

    Il 31 ottobre scade la proroga concessa dall’Ue al Regno Unito. Per quella data l’addio di Londra potrebbe concretizzarsi anche senza accordo sebbene al suo insediamento il neopremier  Boris Johnson abbia definito “remota” questa possibilità. Stando alle stime degli esperti di Leuven, con questo scenario il Paese perderebbe il 4,4% del suo Pil e 525 mila posti di lavoro mentre i 27 membri dell’Ue l’1,54% del Pil e 1.200.000 posti. Più contenute le previsioni della Brexit con accordo: per il Regno Unito Pil in calo dell’1,2% e 140 mila posti di lavoro in meno;  Pil ridotto dello 0,38% con 280 mila posti di lavoro in fumo per l’Ue.

    Globalmente, invece, l’Italia perderebbe 140 mila posti di lavoro con il no deal e 31.230 con un accordo tra Bruxelles e Regno Unito.

     

    Foto: Pixabay

    red. 23-08-2019 Tag: brexitagricolturazootecniaUnione Europeaitalia
Articoli correlati
  • Raccontare il settore mangimistico

    Nelle settimane passate Assalzoo è stata protagonista di un servizio di Rai Parlamento dedicato al settore della mangimistica. Da presidente dell’Associazione ho avuto modo di seguire lo sviluppo di questo servizio per portare a termine la...

    23-02-2020
  • Ritardi pagamenti della p.a., Corte di Giustizia Ue rimprovera l’Italia

    Un punto a favore delle aziende italiane che vantano dei crediti nei confronti della pubblica amministrazione. I tempi dei pagamenti per le transazioni commerciali tra privati e p.a. violano le norme europee. Lo scorso 28 gennaio la Corte di Giustizia europea ha...

    18-02-2020
  • De Castro: “La futura Pac non potrà prescindere dall’utilizzo di tecnologie avanzate”

    Per tre volte ministro dell’Agricoltura in Italia e alla sua terza legislatura come eurodeputato, Paolo De Castro è membro delle commissioni Agricoltura e sviluppo rurale e Bilancio del Parlamento europeo. Nel corso del primo mandato ha seguito da...

    16-02-2020
  • Fefac, aperte le registrazioni per il XXIX° congresso

    A poco più di tre mesi dal suo prossimo congresso, Fefac, la Federazione europea dei Produttori di mangimi, ha aperto le registrazioni per partecipare all’evento. Il congresso, il numero ventinove, si terrà ad Anversa dal 3 al 5 giugno...

    13-02-2020
  • Per il 2020 Pil italiano previsto in leggera crescita

    In uno scenario economico mondiale in ripresa e con un mercato europeo avviato a una moderata crescita, con riferimento al primo semestre 2020, il Pil italiano dovrebbe crescere lievemente nell’anno appena iniziato. La previsione è di +0,3% (+0,4%...

    11-02-2020