• Un fungo nelle stoppie di mais per migliorare l’alimentazione dei bovini

    Print
    Cows 552947 1920

    Residui del raccolto di mais più appetibili e digeribili per il bovino grazie a un fungo. Un supplemento potrebbe migliorare la qualità delle stoppie e fornire, così, un alimento a basso costo e nutriente per gli allevamenti. L’utilità di questo foraggio sarebbe evidente in inverno quando è molto difficile mandare il bestiame al pascolo. È l’ipotesi su cui stanno lavorando dei ricercatori della North Carolina Agricultural and Technical State University a Greensboro, negli Stati Uniti.  

    I funghi sono organismi ricchi di vitamine, molto nutrienti, in grado di svilupparsi su diverse sostanze come la paglia, il cippato e la segatura del legno, ad esempio. Due ricercatori dell’università americana, Uchenna Anele e Omon Isikhuemhen, in distinti lavori di ricerca hanno indicato come ci fosse la possibilità di far crescere dei funghi sulle stoppie del mais, i residui di steli e foglie presenti sul terreno dopo il raccolto delle pannocchie. Si tratta del sottoprodotto più abbondante negli Stati Uniti, fra i maggiori produttori di mais al mondo, con oltre 200 milioni di tonnellate. 

    Tuttavia le stoppie non risultano particolarmente gradite agli animali anche dopo essere state lavorate e compattate in pellet, sottolineano i ricercatori. Contengono infatti delle fibre vegetali piuttosto dure, le lignine. Ecco perché i funghi potrebbero renderli più gradevoli: riuscirebbero a scomporre la lignina presente aumentando la digeribilità del sottoprodotto. Inoltre rilascerebbero nutrienti e componenti bioattivi nel foraggio migliorando la nutrizione e il benessere degli animali agendo direttamente sul loro microbioma intestinale.  

    Riuscire a fornire un prodotto del genere, nutriente e a basso costo, allevierebbe anche gli oneri finanziari che gravano sugli allevatori. I benefici sarebbero massimi nei mesi invernali. In molti Stati degli Usa è molto difficile far uscire gli animali al pascolo, con i terreni poco produttivi, e quindi si ricorre al foraggio di colture precedentemente raccolte, come il fieno e la paglia, o ad altri sottoprodotti agroindustriali, facendo aumentare sensibilmente i costi soprattutto per i piccoli allevamenti. Infine la stessa produzione di funghi sarebbe una possibile fonte di reddito per gli agricoltori che produrrebbero biomasse come alimento zootecnico.

     

    Foto: Pixabay

    red. 15-10-2019 Tag: allevamento bovinimaisfunghiligninaforaggio
Articoli correlati
  • Giornata del mais, al Crea il punto sulle risorse genetiche in maiscoltura

    Un secolo di maiscoltura. Sono cento anni che Bergamo è la sede dell’Istituto di Maiscoltura, un anniversario che sarà celebrato il prossimo 24 gennaio in occasione della Giornata del Mais. Al centro del programma, oltre alla storia, ci...

    19-01-2020
  • Mais, dalla genomica un nuovo modello per prevedere le caratteristiche delle piante

    “Leggendo” i dati genetici di una piantina di mais di due settimane è possibile prevedere i tratti che la pianta svilupperà crescendo. Questi dati sono relativi all’Rna, le molecole che permettono di attuare le informazioni...

    10-01-2020
  • Mais, attesa una maggiore produzione nell’Unione Europea

    L’Agricolture and Horticulture Development Board del Regno Unito ha fornito gli ultimi dati sui mercati di cereali e semi oleosi nel mondo. Tra le principali colture – come riferisce Fedd Navigator – per il mais è prevista una maggiore...

    12-12-2019
  • Stati Uniti, a rilento la raccolta di mais

    Procede a un debole ritmo la produzione di mais negli Stati Uniti. Meglio la soia, ma anche per questa coltura, come il mais dunque, non è stato completato il raccolto. Il ritardo nella produzione è stato denunciato dall’Usda, il Dipartimento...

    10-12-2019
  • Ismea, più superfici e raccolto per il mais ma rese in calo

    Prezzi in calo all’avvio della nuova stagione per il mais, con le prime stime che parlano di un recupero delle superfici e dei raccolti rispetto alla scorsa annata all’interno, però, di un sistema produttivo fortemente differenziato dal punto...

    04-12-2019