• Dalla Cina all'Europa, i fronti aperti delle tensioni commerciali dell'agricoltura americana

    Print
    Container pixabay

    La posizione dell’amministrazione Trump sulla crisi di Hong Kong potrebbe avere ripercussioni sui rapporti commerciali già tesi tra Stati Uniti e Cina. Le due superpotenze sono impegnate da mesi in una guerra fredda a colpi di dazi che, tuttavia, poche settimane fa era sul punto di allentarsi. World Grain ha fatto il punto della situazione sull’economia statunitense e sull’impatto che le fibrillazioni con i partner commerciali potrebbero avere sul comparto agricolo. 

    A metà ottobre – ricorda la testata specialistica – il presidente Usa ha sospeso un aumento nelle tariffe su 250 miliardi di dollari di export cinese, con una svolta sui negoziati commerciali tra Washington e Pechino. Il riferimento è a un previsto impegno della Cina di acquistare 40-50 miliardi di prodotti agroalimentari statunitensi in meno di due anni. Un impegno che non ha portato ancora a nulla, sottolinea l’autore dell’articolo. I negoziati andranno avanti e nel frattempo la Cina ha aumentato l’acquisto di soia e altri prodotti nelle ultime settimane. Potrebbe dipendere da una semplice variazione dell’origine dei raccolti, dall’emisfero Sud a quello Nord, amplificata poi dal bisogno della Cina di far fronte a una riduzione stimata al 40% della popolazione suina per la Febbre suina africana. “Pertanto, nonostante una maggiore retorica ottimistica, molto rimane da fare per una vera tregua tra i due Paesi”, si legge nell’articolo.

    Europa, Asia e America Centrosettentrionale

    Un altro fronte caldo è quello con altri Paesi asiatici. Gli Usa si sono ritirati dal Trans-Pacific Partnership nel 2018 e i membri restanti hanno dato vita a un nuovo accordo che ha permesso a Canada, Australia e Nuova Zelanda di accedere in modo preferenziale ai mercati delle commodities agricole in Giappone e altri Stati. A ottobre Washington e Tokyo hanno siglato un bilaterale. Con l’accordo gli agricoltori statunitensi potranno accedere a un livello paritario ai concorrenti nel commercio di suini e bovini e di grano mentre il Giappone ha eliminato le tariffe su altri prodotti agricoli. 

    Le tensioni commerciali sulla sponda atlantica riguardano anche l’Europa in seno al Wto. La questione Boeing/Airbus ha coinvolto anche il settore agroalimentare con i dazi sui prodotti dell’Unione europea, Italia compresa. World Grain ricorda che nel 2020 l’organizzazione mondiale potrebbe permettere all’Ue di rivalersi sugli Stati Uniti per gli aiuti a Boeing e anche questo potrebbe ripercuotersi sull’agricoltura, sull’export verso l’Ue.  

    Resta ai box, invece, la discussione al Congresso Usa per il nuovo accordo con Messico e Canada in sostituzione del North American Free Trade Agreement.

     

    Foto: Pixabay

    redazione 05-12-2019 Tag: stati unitiCinawtodaziguerra dei daziaccordi commerciali
Articoli correlati
  • Usa, le nuove stime di settembre riducono la produzione di mais e soia

    Leggera rivalutazione al ribasso della produzione di mais e soia negli Stati Uniti. Ciononostante il livello resta superiore a quello stimato per la stagione precedente. In crescita la produzione di soia a livello mondiale, sempre rispetto al 2019/20. Nel report...

    22-09-2020
  • Soia, verso un'alleanza strategica Cina-Russia?

    Pur mantenendo gli impegni presi con gli Stati Uniti secondo l’accordo di Fase Uno, la Cina starebbe cercando di diversificare i partner commerciali per garantirsi nel medio-lungo periodo adeguate forniture di soia. Tra questi la Russia, con la quale la...

    05-09-2020
  • Brasile, per il 2020/2021 sarà record per la produzione di soia

    La nuova stagione che sta per cominciare si preannuncia favorevole per la soia brasiliana. Piantagioni in aumento, produzione record e incremento di scambi commerciali soprattutto con la Cina. Sono le indicazioni rilevate da SpaceX, una società di...

    01-09-2020
  • Sorgo, in forte aumento l’export dagli Usa alla Cina

    Le esportazioni di sorgo dagli Stati Uniti alla Cina sono in netta ripresa. Con la guerra commerciale tra le due superpotenze non più alla massima intensità, il Paese asiatico - il principale acquirente di sorgo nel mondo e di circa l’85-90%...

    13-08-2020
  • Mais, negli Stati Uniti in calo le stime della domanda di mangimi per il 2020/21

    Stime al ribasso per gli indicatori del mais, dalla produzione al consumo. Produzione in aumento per il grano e per la soia. Il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti ha diffuso l’ultimo report con le previsioni sulla Domanda e...

    10-08-2020