• Stati Uniti, a rilento la raccolta di mais

    Print
    Mais da pixabay

    Procede a un debole ritmo la produzione di mais negli Stati Uniti. Meglio la soia, ma anche per questa coltura, come il mais dunque, non è stato completato il raccolto. Il ritardo nella produzione è stato denunciato dall’Usda, il Dipartimento per l’Agricoltura degli Stati Uniti che ha dovuto rivedere i tempi della sua reportistica. Questo report, riferito al 24 novembre, sarebbe dovuto essere l’ultimo del 2019 e invece sarà seguito da costanti aggiornamenti sull’andamento delle principali commodities agricole. 

    Mais 

    Nei 18 Stati in cui è prodotto il 94% del mais la quota di raccolto si è fermata all’84%, molto indietro rispetto alla stessa settimana del 2018. Dodici mesi fa, infatti, era stato raccolto il 93% delle piantagioni. Il dato del 2019 è inoltre ancora più lontano dalla media relativa al periodo 2014-2018: 96%.  

    Solo in due Stati si è raggiunto il 100% del raccolto. In North Dakota si è fermi addirittura al 30% quando nel 2018 la percentuale era del 79%. A pesare le cattive condizioni climatiche di questo autunno. 

    Soia 

    Il 96% della produzione di soia arriva da 18 Stati americani. L’andamento del raccolto è in linea con lo scorso anno, pari al 94%. Tuttavia è indietro rispetto alla media degli ultimi cinque anni (97%). Anche per questa coltura solo due Stati hanno completato il raccolto

    Sorgo 

    L’Usda monitora la produzione di sei Stati responsabili del 98% del raccolto del 2018. Questa coltura è in controtendenza rispetto alle precedenti: dall’88% del 2018 si è passati al 97% di quest’anno, un valore superiore anche alla media 2014-18 del 92%. 

    Grano invernale 

    Nei 18 Stati che hanno piantato il 90% degli acri destinati nel 2018 al grano invernale è germogliato l’87% rispetto all’85% dello scorso anno. In tre Stati si è raggiunto il 100%. Lievemente maggiore la media quinquennale: 90%. Positivi i dati sulla qualità della coltura. Oltre la metà del grano invernale è in condizioni più che soddisfacenti: il 41% e l’11% sono, rispettivamente, in buone o eccellenti condizioni, in linea con le valutazioni dell’anno passato.  

     

     

    red. 10-12-2019 Tag: USDAstati unitimaissoiasorgograno invernale
Articoli correlati
  • Giornata del Mais 2020: tra storia e innovazione

    La Giornata del Mais, che si è tenuta a Bergamo il 24 gennaio, si è focalizzata su due importanti aspetti: storia ed innovazione. L’anno 2020 segna infatti una data importante per la sede di Bergamo del CREA: festeggia i 100 anni della...

    06-02-2020
  • Stati Uniti, cresce la domanda di mais per mangimi

    Più mais e frumento destinati alla nutrizione animale, con una riduzione delle scorte finali, e maggiore produzione di soia. Il Dipartimento per l’Agricoltura degli Stati Uniti ha aggiornato le previsioni relative alla domanda e offerta delle...

    04-02-2020
  • Stati Uniti, in aumento la produzione zootecnica

    Stime positive per la zootecnia statunitense. Secondo il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti il numero di animali in produzione (indicati dall’unità di misura Gcau - Grain-consuming animal units) è stato incrementato di 0,24...

    04-02-2020
  • Giornata del mais, al Crea il punto sulle risorse genetiche in maiscoltura

    Un secolo di maiscoltura. Sono cento anni che Bergamo è la sede dell’Istituto di Maiscoltura, un anniversario che sarà celebrato il prossimo 24 gennaio in occasione della Giornata del Mais. Al centro del programma, oltre alla storia, ci...

    19-01-2020
  • Fefac, cresce in Europa l’utilizzo di soia responsabile per i mangimi

    Più soia responsabile nei mangimi europei. Secondo le ultime rilevazioni di Fefac, la Federazione europea dei Produttori di mangimi, in Europa gli acquisti di soia responsabile si aggirano tra le 9-10 tonnellate. Un aumento significativo rispetto al 2017...

    14-01-2020