• CoVid-19, farmaci veterinari: stop temporaneo a ispezioni

    Print
    Farmaco unsplash

    Stop temporaneo alle ispezioni negli stabilimenti in cui si fabbricano farmaci e principi attivi in ambito veterinario. Una misura analoga anche per le aziende che gestiscono sistemi di farmacosorveglianza veterinaria. Ma le attività di monitoraggio continuano con modalità a distanza. Sono alcune delle disposizioni definite dalla Direzione generale della Sanità animale e dei Farmaci veterinari alla luce della situazione emergenziale che sta vivendo il Paese per la pandemia di CoVid-19. 

    La divisione del ministero della Sanità ha deciso inoltre di prorogare al 31 dicembre del 2021 la validità dei certificati di Norme di buona fabbricazione in scadenza nel 2020, salvo diversa valutazione. In questo modo sarà possibile garantire la continuità della fornitura di medicinali e sostanze farmacologicamente attive a uso veterinario nella filiera distributiva. 

    Ma sul rispetto delle norme da parte delle aziende gli uffici comunque continueranno il monitoraggio verificando la compliance qualitativa dei prodotti. Utile allo scopo il quality risk management, con valutazioni a distanza per il rinnovo dei certificati. Tra le altre attività, proseguiranno anche le indagini caso per caso delle domande di nuove attivazioni e di modifica, ad esempio quelle che riguardano i nuovi reparti. 

    Riguardo all’attività di farmacovigilanza veterinaria, sempre per non interrompere il monitoraggio delle aziende che ne gestiscono i sistemi, l’ufficio ha adottato delle modalità di esame a distanza come valutazione di documenti e interviste ai rappresentanti della ditta.

    Tutte le nuove disposizioni saranno valide fino a un prossimo aggiornamento e comunque sempre a fronte dell’evoluzione della situazione generale del Paese.

     

    Foto: Unsplash

     

    redazione 20-05-2020 Tag: farmaci veterinariDirezione generale della Sanità animale e dei farmaci veterinaricoronavirusCovid 19farmacovigilanza
Articoli correlati