• Assalzoo: “Il settore agroalimentare rimetta al centro la ricerca e l’innovazione”

    Print
    Ricerca pixabay

    Un sistema agro-alimentare-zootecnico più sostenibile, produttivo e competitivo non può prescindere dal contributo della ricerca e dell’innovazione. Assalzoo, Associazione nazionale tra i Produttori di Alimenti zootecnici, è da sempre a favore della ricerca scientifica e sostiene ogni valida iniziativa che possa promuovere il rilancio e il trasferimento dell’innovazione tecnologica a vantaggio di tutti gli attori della filiera, grandi e piccoli. Da ultima la lettera aperta inviata da Aissa, l’Associazione italiana delle Società scientifiche agrarie, alla Ministra delle Politiche agricole, alimentari e forestali Teresa Bellanova. 

    Assalzoo condivide la riflessione contenuta nella lettera sul valore della ricerca e sul ruolo che la comunità scientifica può svolgere in collaborazione con il legislatore per assicurare un futuro più prospero al settore agroalimentare italiano. La pandemia di CoVid-19 ha nuovamente messo al centro del dibattito pubblico la scienza, riassegnandole il ruolo che le spetta, ovvero quello di risorsa al servizio dei decisori politici.

    Il messaggio di Aissa, sottoscritto dai presidenti delle ventidue società scientifiche affiliate e dai componenti del Consiglio di Presidenza, individua diversi profili di criticità in relazione ai quali anche Assalzoo ha manifestato nel recente passato le stesse preoccupazioni.

    Sono anni ormai che l’Italia ha perso terreno nei confronti degli altri Stati più avanzati, sia europei che extraeuropei, in termini di competitività delle produzioni agricole. Un gap tecnologico che può essere colmato solo potenziando l’innovazione e la ricerca, come spiega Aissa. Grazie alle ultime conquiste della scienza, come ad esempio le nuove biotecnologie, si possono rinnovare processi e prodotti, aumentare la sostenibilità con benefici soprattutto a livello ambientale, ridurre i costi di produzione, riorganizzare le filiere, financo tutelare il Made in Italy e le produzioni tradizionali del nostro Paese.

    L’integrazione dell’innovazione nei sistemi produttivi può inoltre dare un contributo determinante a una più razionale gestione delle risorse disponibili, riducendo gli sprechi e implementando modelli di economia circolare, di cui l’industria mangimistica è pioniera per vocazione attraverso l’impiego in alimentazione animale di tantissimi co-prodotti dell’industria alimentare.

    L’iniziativa di Aissa coincide, inoltre, con un momento particolare per il settore agroalimentare dell’UE, che deve affrontare due dossier chiave: una PAC fortemente influenzata dal Green Deal e dalla strategia Farm to Fork, e l’utilizzo delle risorse del Recovery Fund. L’Italia si presenta con un sistema primario in affanno, che nel corso dell’emergenza ha manifestato tutte le sue criticità. Un settore con output domestico in calo e dipendente dall’estero per l’approvvigionamento di materie prime per circa il 60% del fabbisogno interno. Un gap per colmare il quale non è possibile fare a meno dell’innovazione che la ricerca scientifica può mettere a disposizione. Assalzoo, pertanto, appoggia con forza e convinzione l’appello di Aissa di sostenere la ricerca per il recupero, strategico, della produzione primaria nazionale.

     

    Foto: Pixabay

    red. 09-08-2020 Tag: ricerca scientificaAissaassalzooinnovazioneTeresa Bellanova
Articoli correlati