• Crisi economica, gli italiani tagliano anche sull'alimentazione

    Print
    Low cost

    Anche l'alimentazione degli italiani sta facendo le spese della crisi economica che gli abitanti dello Stivale hanno dovuto affrontare nell'ultimo anno. Secondo il venticinquesimo Rapporto Italia di Eurispes è stato, infatti, ben il 72,6% degli italiani ad acquistare prodotti alimentari in punti vendita più economici, a fronte del 52,1% che aveva dichiarato di farlo nel 2012. La tendenza a fare acquisti nei discount è maggiore al Sud e nelle Isole, dove ben l'80% della popolazione sceglie questi punti vendita più economici. Questa percentuale rimane comunque elevata anche nelle altre regioni, attestandosi al 71,4% nel Centro Italia, al 69,6% nel Nord-Est e al 65,6% nel Nord-Ovest. Non solo, l'84,8% dei cittadini ha deciso di cambiare la marca di un prodotto alimentare con una più conveniente, anche a discapito della qualità.

     

    La scelta è strettamente legata alla diminuzione del proprio potere d'acquisto constatata dal 73,4% degli italiani e segue parallelamente i tagli alle spese registrati in altri settori, prime fra tutte quelle per le uscite fuori casa (91,8%), per acquistare regali (su cui ha deciso di risparmiare l'89,9% della popolazione), per i pasti fuori casa (86,7%), per l'abbigliamento (85,5%), per i viaggi e le vacanze (84,8%), per il tempo libero (83,5%), per andare al cinema (82,2%) o al ristorante o in pizzeria (77,2%), per la cura della persona e la bellezza (83,1%) e per gli articoli tecnologici (81,9%). Meno netti, ma comunque molto significativi, i tagli all'uso di mezzi di trasporto privati (52,2%) e alle spese mediche (40,6%).

     

    Queste percentuali, confrontate con quelle rilevate solo un anno fa, evidenziano un aumento – a volte vertiginoso - per tutte le voci di spesa e dimostrano che il 2012 ha costretto quasi tutta la popolazione a un taglio drastico delle spese anche per beni di prima necessità come i prodotti dell'industria alimentare.

    Silvia Soligon 11-02-2013 Tag: acquistiindustria alimentarediscountcrisi economica
Articoli correlati